Vertenza Sirti: il Partito Democratico si schiera con lavoratori e sindacati

Il segretario provinciale Giovanni Zorzi esprime grande preoccupazione per il futuro dei lavoratori dello stabilimento di Mareno di Piave. «Obiettivo prioritario la qualità del lavoro»

In questi giorni il Partito Democratico provinciale sta seguendo con grande preoccupazione lo stallo della trattativa tra sindacati e il gruppo Sirti. Tra scioperi e blocco degli straordinari, la vertenza riguarda i destini di una trentina di lavoratori dello stabilimento di Mareno di Piave.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Stiamo parlando di un’azienda – dichiara Giovanni Zorzi, segretario provinciale del Partito Democratico di Treviso – che ha fatto la storia del nostro territorio e che vanta un’eccellenza nel campo della progettazione, realizzazione e manutenzione di grandi reti di telecomunicazioni». Sui motivi che hanno portato alla crisi, Zorzi è chiaro: «La situazione in cui si trovano i lavoratori della Sirti è la conseguenza del ricorso esasperato negli anni alla pratica dei sub-appalti, ispirati alla logica del “massimo ribasso”, in un settore strategico per lo sviluppo del Paese come quello delle telecomunicazioni e delle infrastrutture tecnologiche». Sul fronte delle soluzioni, Zorzi sostiene le proposte del sindacato: «Innanzitutto, il Pd auspica si arrivi presto a un piano condiviso tra azienda e sindacati per ridurre al minimo i costi sociali degli esuberi. Dal momento, poi, che quello della Sirti non è un caso isolato, appoggiamo la richiesta di Fim-Fiom-Uilm affinché si apra subito un tavolo permanente del settore della Tlc presso il Ministero dello Sviluppo Economico. Il caso Sirti ha fatto emergere una criticità generalizzata tra le aziende del settore  – conclude Zorzi – Pertanto è quanto mai necessario invocare una regia politica che in ambiti come questo, a forte contenuto di innovazione tecnologica, dove sono richieste alte professionalità e competenze, tuteli prioritariamente la qualità del lavoro rispetto a tutte quelle logiche rivolte solo a massimizzare il profitto». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio all'azienda agricola Vaka Mora: a fuoco 500 balle di fieno

Torna su
TrevisoToday è in caricamento