Viaggi sospesi, il caos dei rimborsi: ecco come fare

Claudia De Marco di Federconsumatori: «Se la cancellazione è stata operata dall'agenzia di viaggio scattano le compensazioni o il voucher. Ma rimane il problema di chi si troverà le strutture alberghiere chiuse»

Viaggi cancellati, è caos sul futuro

Sotto il cielo dei rimborsi di chi ha pagato le vacanze,e si è visto cancellato il viaggio dal proprio tour operator  per il Covid 19 regna il coas. «Nel Dpcm che è stato approvato -  spiega Claudia De Marco di Federconsumatori Treviso - esistono due previsioni: la prima nel  caso sia l'agenzia turistica o il vettore, nel caso di trasferimenti arei, ad avere disdettato mentre il secondo riguarda il caso di cancellazione da parte dell'utente. In quest'ultima fattispecie bisogna andare a vedere cosa prevede il contratto mentre nella prima scattano i rimborsi, oppure la fornitura di un voucher di pari importo da poter utilizzare entri 12 mesi. In questi settimane abbiamo visto sempre più tour operator optare per il buono di spesa ma questo non mette al riparo da  brutte sorprese».

Il motivo è presto detto. «In caso di voucher - spiegano alla Federconsumatori - nulla mette il consumatore al riparo dei rischi di fallimento dell'operatore turistico  o della struttura ricettiva scelta causa dei problemi a cui queste attività stanno andando incontro. Nel caso in cui sia l'agenzia di viaggio, o l'hotel o il bed and breakfast, a chiudere comincerà la via crucis del rimborso e tutti sappiamo quanto sia difficile ottenerli perché il consumatore è in genere l'ultimo della lista di creditori».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ancora più complesso, se possibile, il discorso riguardante i viaggi studio che sono stati cancellati. «Anche in questo caso - dice la De Marco - le scuole si sono attrezzate con voucher, anche se va detto che alcuni istituti hanno riprogrammato i viaggi per settembre quando neppure le frequenza obbligatoria può essere assicurata. Va detto che molti sono coperti da una polizza specifica in caso di annullamento, che dovrebbe coprire le spese sostenute dalle famiglie».    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • I 6 piatti trevigiani che non possono mancare sulle tavole d'autunno

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento