Videochiamate con i parenti da casa: l'Ulss mette a disposizione i telefoni aziendali

L’idea è dell’Unità operativa complessa delle Professioni sanitarie diretta da Alberto Coppe

Piccole idee, grandi emozioni. Dare la possibilità ai pazienti in isolamento di parlare con i famigliari in questo periodo di emergenza non è cosa scontata. L’idea dell’Unità operativa complessa delle Professioni sanitarie, diretta da Alberto Coppe, è stata quella di dotare il reparto di malattie infettive e il reparto di Unità didattica infermieristica estensiva di tre telefonini aziendali per poter effettuare delle video chiamate, con l’aiuto degli operatori sanitari, con genitori, figli, nipoti impossibilitati alle visite in ospedale. “In questo momento ogni gesto può aiutare una persona ricoverata dal punto di vista emotivo e umano – sottolinea Coppe – Le prime videochiamate sono state un’esplosione di gioia per tutti generando anche tra noi un’autentica commozione che ci unisce per dare tutto il possibile ai nostri pazienti”.

Nel frattempo all'ospedale San Valentino di Montebelluna continua il progetto “Parto con te” webinar. L’idea è dell’Unità operativa complessa di Ostetricia e Ginecologia che ha scelto di non sospendere l’iniziativa "Parto con te", gli incontri multi professionali di accompagnamento alla nascita pensato per i genitori in dolce attesa con l’obiettivo di fornire informazioni sull’accoglienza a termine di gravidanza, sul travaglio, il parto e i momenti post nascita. "Parto con te" si svolge a cadenza mensile, ogni secondo venerdì del mese. Venerdì è stato sperimentato “Parto con te” via web. Le coppie interessate hanno ottenuto un link di collegamento per poter assistere all’incontro direttamente da casa propria. Così all’orario stabilito era pronto ad attendere i genitori interessati il gruppo multiprofessionale capitanato dal primario Maria Grazia Salmeri. Con quest’ultima in collegamento c’erano anche un pediatra, un’ostetrica, un’infermiera di assistenza neonatale, un’infermiera di ostetricia e un’altra ostetrica collegata dal consultorio. La risposta è stata molto positiva con 25 coppie che hanno aderito al seminario on line. Se permarrà l’emergenza “Parto con te” webinar verrà ripetuto anche nel mese di aprile. 

La solidarietà intanto non si ferma: si ricorda la decisione di convogliare le donazioni in un conto corrente della Regione Veneto. Il conto corrente ha le seguenti coordinate: IBAN IT 71 V 02008 02017 000105889030. Causale: Sostegno Emergenza Coronavirus, intestato a Regione del Veneto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

  • Il sorriso di Claudia si spegne a soli 56 anni: fatali una malattia e il Covid

Torna su
TrevisoToday è in caricamento