Attualità Maserada sul Piave

Vienna, il racconto di un architetto trevigiano: «Elicotteri e sirene tutta la notte»

Vittorio Salvadori di Maserada sul Piave vive a poche centinaia di metri da Schwedenplatz, uno dei luoghi più colpiti dagli attacchi in cui hanno perso la vita cinque persone

Vienna nel mirino del terrorismo. Lunedì sera, 2 novembre, cinque persone hanno perso la vita in più attacchi coordinati nel cuore della capitale austriaca: le vittime sono quattro civili e un attentatore, secondo l'ultimo aggiornamento dei media locali. Almeno 17 i feriti tra cui sette persone in pericolo di vita. La piazza di Schwedenplatz è tra le zone più colpite della città e si trova a pochi metri di distanza da dove vive l'architetto trevigiano Vittorio Salvadori. Originario di Maserada sul Piave, si è trasferito nella capitale austriaca ormai da diverso tempo e, tra poche settimane compirà 28 anni.

attentato vienna foto-2-2

Ai nostri microfoni racconta: «Io e mia moglie  viviamo a soli cinque minuti dalla piazza in cui c'è stato uno degli attacchi principali (Schwedenplatz, per l'appunto). Per fortuna eravamo già a casa alle 20 quando è iniziato l’attacco. Una nostra amica, che vive vicino a noi, ci ha avvisati dopo aver visto la notizia in televisione. Ovviamente non ci siamo mossi per tutta la notte. Sentivamo solo elicotteri e sirene della polizia. Sono uscito questa mattina per portare il mio cane a fare una passeggiata e ho visto agenti armati in ogni strada del mio quartiere». Da questa mattina in Austria è scattato il lockdown nazionale che dovrebbe durare fino a fine novembre. Gli attentatori hanno colpito nell'ultima serata in cui bar e locali erano aperti. Alle ore 11 di martedì mattina il Cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha tenuto un discorso ufficiale per aggiornare la nazione. I punti ancora aperti sono: quanti attentatori hanno agito, quali aree della città sono state colpite e quanti terroristi islamisti sono ancora a piede libero. «Fa senza dubbio impressione sapere che a pochi minuti da dove vivo e di solito cammino, c’è stato un attentato - conclude Salvadori - Vienna è una città tranquilla dove l’integrazione sembrava funzionare bene seppur con certi limiti. Quello che speriamo tutti è che non si ripetano nuovi attacchi nelle prossime ore». Il coprifuoco serale in vigore da oggi, lo smart working adottato da moltissime aziende e gli gli spostamenti sconsigliati dovrebbero limitare il rischio di nuovi attentati ma l'attenzione in città resta altissima.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vienna, il racconto di un architetto trevigiano: «Elicotteri e sirene tutta la notte»

TrevisoToday è in caricamento