Venerdì, 22 Ottobre 2021
Attualità Villorba

A Villorba gli ecovandali colpiscono ancora, il sindaco: «Le sanzioni non bastano»

Telecamere mobili e fototrappole non fermano gli incivili che ormai da anni abbandonano rifiuti di ogni tipo lungo la ciclopedonale che da Fontane porta al Distretto sanitario

Cartoni di pizza, avanzi di cibo del McDonald’s, bottiglie vuote di birra, lattine, ferri da stiro, sacchetti di patatine e di deiezioni canine. Questo quanto si può ormai da tempo trovare lungo il percorso ciclopedonale che da Fontane Chiesa Vecchia porta fino a Casa Marani, a pochi passi dal Distretto sanitario dell’Ulss 2 a Villorba. Una situazione che molti residenti definiscono di degrado, anche perché si tratta di una problematica che ormai insiste da molti anni lungo tutta la zona.

L’ultima segnalazione di abbandoni abusivi ed ecovandali è arrivata nelle scorse ore da parte di un giovane residente dell’area: «Lungo la ciclopedonale sono passato domenica ed era tutto a posto ma sia lunedì che ieri sera, invece, ho avuto la brutta sorpresa di trovare l’area completamente rovinata dal comportamento di qualche incivile – dichiara il 30enne Mirco Nardotto – Sono molto affezionato a questo angolo di paradiso verde, dove si possono osservare molte varietà di animali e volatili come ricci e picchi, ma allo stesso tempo sono decisamente deluso da chi lo frequenta! Io stesso ho visto un signore con un passeggino ed un bambino piccolo depositare alcuni sacchetti di pannolini in un cestino! Inoltre, ulteriore problema è che a fianco scorre la Piavesella e lì probabilmente viene scaricata altra spazzatura, come già avviene anche in Via Guizze. Queste persone, così facendo, mettono a rischio anche la salute degli animali che ci vivono. Ho anche pensato di intervenire in prima persona per sistemare, ma non dovrebbe essere compito dei cittadini. E’ quindi evidente che servono più controlli!».

Sul punto è perciò intervenuto il sindaco di Villorba, Marco Serena: «Si tratta di una situazione che si protrae purtroppo da molti anni nonostante tutti gli interventi che, come Amministrazione comunale, abbiamo attivato. Non parlerei però di degrado, ma più di inciviltà e maleducazione dilagante, di disprezzo per il bene pubblico e l’ambiente». Il primo cittadino villorbese commenta poi gli ultimi episodi accaduti proprio lungo la ciclabile: «In zona le telecamere di videosorveglianza sono poche, ma nel tempo ci siamo comunque attrezzati con telecamere mobili e fototrappole da utilizzare anche come deterrente, ma gli episodi continuano. Sul posto, poi, opera anche l’ecovigile di Contarina e spesso pure la Polizia Locale è intervenuta, ma a quanto pare i comportamenti illeciti vengono reiterati giorno dopo giorno – chiosa Serena – Dal lato sanzioni, invece, ne abbiamo emesse diverse. Abbiamo il galantuomo che viene da fuori comune ad abbandonare l’immondizia, così come gli affittuari in nero che non dispongono dei bidoncini della raccolta e vengono qui a scaricare. Ormai, però, il maggior problema sono i gruppi di ragazzini che sostano di continuo nel parco, lasciando a terra sporcizia di ogni tipo. Addirittura, interveniamo due volte la settimana per bonificare tutto il quadrante, ma non basta. Qualcuno ha anche chiesto di recintare l’area, ma si tratta di un percorso naturalistico difficilmente arginabile con strutture fisse. L’unica soluzione, dunque, è quella di eliminare ogni cestino e chiedere a tutti di essere più responsabili nella gestione dei rifiuti, per una tutela sia dell’ambiente che ci circonda che degli altri concittadini».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Villorba gli ecovandali colpiscono ancora, il sindaco: «Le sanzioni non bastano»

TrevisoToday è in caricamento