Casier, ripartono le visite ai familiari in casa di riposo

Dopo la chiusura durante il lockdown, Casamia a Casier torna a riaprire per le visite dei familiari agli anziani ospitati nella Rsa del gruppo Orpea Italia

In foto l'interno della casa di riposo di Casier

Una buona notizia dal mondo dell’assistenza agli anziani. Dopo quasi quattro mesi di lontananza finalmente i familiari dei residenti di Casamia Casier potranno incontrare i propri cari.

La residenza trevigiana del gruppo Orpea Italia, a zero casi positivi Covid-19 tra ospiti e residenti dall’inizio della pandemia fino ad oggi, ha infatti riaperto le visite agli ospiti. Per gli incontri sono stati creati spazi appositi e applicate norme di sicurezza specifiche affinchè le visite si possano svolgere nella massima tutela della salute di tutti. Un momento attesissimo e molto emozionante per gli ospiti,  i loro famigliari e anche per il personale del Centro di Servizi che, dall’inizio dell’emergenza sanitaria, è stato impegnato in prima linea nella battaglia contro il Coronavirus e che oggi vive, insieme ai residenti questo momento di gioia. Non più solo tablet e videochiamate ma un incontro vero e proprio. Un primo importante traguardo per tutti, un piccolo ma significativo passo avanti verso il ritorno alla normalità dopo un periodo di grande paura e incertezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«In questi lunghi mesi abbiamo assistito i nostri ospiti fisicamente e psicologicamente, cercando di stare loro ancora più vicini in questa situazione difficilissima. Le videochiamate sono state sicuramente attimi di grande conforto, ma il calore di un incontro dal vivo, l’emozione della presenza, anche se ancora senza contatto fisico, è impagabile. Lo spirito di squadra, la passione per il nostro lavoro e la voglia di non arrendersi ci permettono oggi di tornare a sorridere insieme ai familiari dei nostri ospiti. Non abbassiamo la guardia ma finalmente pensiamo al futuro con speranza e ottimismo». Queste le parole dell’equipe di Casamia. Per le visite, da concordare preventivamente con la direzione della struttura, verranno utilizzate apposite postazioni e i familiari dovranno attenersi strettamente alle indicazioni fornite dal personale, nel massimo rispetto delle disposizioni regionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Elezioni in Veneto: guida al voto per Referendum, Regionali e Amministrative

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento