Vittorio è bloccata: così si può cominciare a sbloccarla

Abbiamo sentito esperti e il parere dei vittoriesi: ne sono emerse 2 idee

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Sentite le parole dell'assessore Giovanni Napol all'ultimo consiglio comunale, Mirko Piccin, presidente dell'associazione R&T, ha dato avvio ad una serie di audit riguardanti l'edilizia privata. Ne è emerso un quadro nel quale i residenti delle periferie si trovano oggi a pagare per servizi dei quali non usufruiscono quali asili nido, scuole materne e dell'obbligo all'interno del quartiere, impianti sportivi o culturali periferici e spesso nemmeno aree verdi. Arrivano segnalazioni per cui, in alcuni casi, a Vittorio Veneto non siano garantiti nemmeno i servizi di urbanizzazione primaria ma ci riserviamo di approfondire. Le parole di esperti e addetti ai lavori, unite alle idee che sono giunte dai cittadini attraverso il nostro sondaggio permanente, ci portano a proporre 2 idee per aiutare i Vittoriesi e l'intera città. Il comune deve diventare promotore di azioni di semplificazione e promozione. Le prime per velocizzare le pratiche snellendo i flussi degli uffici e le seconde per mettere in risalto i benefici ottenibili in città attraverso gli strumenti urbanistici. Il comune può investire in azioni di valorizzazione degli edifici periferici rinunciando alla parte degli oneri di urbanizzazione secondaria ove non goduta. Tale scomputo permetterebbe di incrementare gli investimenti per recuperi e ristrutturazioni nelle aree periferiche che, abbandonate dall'amministrazione centrale trovano i servizi nei quartieri vicini. Queste idee sono solo 2 esempi di ciò che può fare la reale partecipazione dei cittadini. Noi lo abbiamo fatto veramente: anonimo, gratuito e sempre disponibile all'indirizzo: https://bit.ly/dafareVV.

Foto dal sito del Comune di Vittorio Veneto: https://www.comune.vittorio-veneto.tv.it/home/comune.html

Torna su
TrevisoToday è in caricamento