Vittorio Veneto, inaugurata dal vescovo Pizziolo la Casa dello Studente

«Un edificio costruito e ristrutturato non per scopi estetici, speculativi o di prestigio, ma con spirito di servizio, accoglienza, aiuto e solidarietà»

Un momento dell'inaugurazione

«Un edificio costruito e ristrutturato non per scopi estetici, speculativi o di prestigio, ma con spirito di servizio, accoglienza, aiuto e solidarietà». Con queste parole il vescovo di Vittorio Veneto, mons. Corrado Pizziolo, delinea cos’è e cosa sarà la Casa dello Studente, in via Fogazzaro nel centro storico di Vittorio Veneto, oggi e negli anni a venire.

La struttura è stata inaugurata sabato 31 ottobre proprio con la benedizione del vescovo, che ha speso qualche parola anche sulla situazione di emergenza che stiamo vivendo. L’apertura della Casa dello Studente infatti, nonostante i progetti che ospiterà non siano ancora tutti completati al 100%, è un “segno di speranza in questo periodo di pandemia”, un modo per guardare avanti con fiducia. Dopo oltre 3 anni di ristrutturazione la Casa dello Studente torna a vivere: nei prossimi mesi e anni ospiterà mostre, eventi, laboratori e attività di formazione dedicati sia alle persone fragili che a chi ha perso o è in cerca di lavoro, associazioni del territorio e un ostello. Nell'occasione si è anche aperta la mostra sulla figura del Cardinal Martini “Mani tese verso l’altro, la Carità politica del card. Martini”, visitabile fino al 12 novembre su prenotazione allo 0438550702 o a fondazione@caritasvittorioveneto.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

Torna su
TrevisoToday è in caricamento