Consegna di farmaci e spesa a domicilio: il Comune ringrazia tutti i suoi volontari

Per tutto il periodo della quarantena hanno anche accompagnato gli anziani per le visite mediche improrogabili presso gli ospedali di Treviso e di Mestre

Il sindaco con gli Scout

Ci sono momenti in cui un semplice “grazie” vale più di mille parole e un sorriso simboleggia la gratitudine di centinaia di persone. Questa epidemia ha messo in luce i valori della cittadinanza e la solidarietà di tutta la comunità moglianese, unita da un bellissimo spirito di squadra. Il sindaco Davide Bortolato e l’Assessore alle Politiche Sociali Giuliana Tochet hanno quindi voluto ringraziare pubblicamente la task-force dei 44 volontari che dall'11 marzo al 4 maggio ha svolto l'importante impegno sociale del "servizio spesa e farmaci a domicilio".

Scesi fin da subito in prima linea, i volontari sono stati scelti fra le associazioni titolari di una copertura assicurativa per malattia, formati sulle modalità del servizio e dotati di adeguati Dpi. Un aiuto concreto per i cittadini in difficoltà, nel pieno rispetto della normativa, per garantire la massima sicurezza di ognuno. Allo scoppiare dell’emergenza, il Coordinamento Volontariato Treviso Sud (Cvtvs) si è immediatamente reso disponibile non solo per coordinare i gruppi e ricevere le telefonate di richiesta delle persone, ma anche per l’importante operazione d’imbustamento e consegna delle mascherine. I volontari del Cvtvs, tramite l’attività di trasporto del Progetto Stacco, per tutto il periodo della quarantena hanno eseguito il servizio di consegna farmaci salvavita a domicilio nonché l’accompagnamento degli anziani per le visite mediche improrogabili presso gli ospedali di Treviso e di Mestre.

«Un grazie sincero va al gruppo Scout Mogliano 2, alla Pro Loco, alla Polisportiva e al Pesco per l’attività concreta svolta in tutto il territorio. Grazie anche alle associazioni di quartiere, che si sono prodigate nei servizi per le frazioni. La città di Mogliano Veneto vuole ringraziare anche Coop Alleanza 3.0, che ha elargito le tessere prepagate per i primi acquisti, si è resa disponibile per un rimborso benzina al coordinamento e ha permesso di mantenere ogni giorno tre volontari all'interno del supermercato per l'imbustamento della spesa. Infine, grazie ad Apio odv, associazione d’informazione e prevenzione oncologica, che insieme al gruppo Cvtvs ha risposto al centralino della spesa a domicilio» fa sapere il sindaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento