menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

West Nile: nuovi interventi larvicidi in primavera

Prima decisione presa dal tavolo di lavoro tra le regioni che hanno deciso di collaborare tra loro per fare fronte al virus che ha causato non pochi disagi in Italia nei mesi scorsi

La commissione nazionale salute, il coordinamento degli assessori alla Sanità delle regioni italiane riunitosi a Palazzo Lombardia a Milano, su proposta dell’assessore del Veneto, Luca Coletto, ha affrontato nelle scorse il tema della diffusione del virus West Nile in molte aree del territorio nazionale, che ha provocato moltissimi contagi e parecchi decessi in persone anziane o malate.

«La commissione, e per questo ringrazio dell’attenzione i colleghi assessori, – rivela Coletto – ha deciso di istituire un coordinamento tra regioni su questo problema, che sarà incardinato al tavolo tecnico della prevenzione, guidato dalla nostra dirigente di settore, dottoressa Francesca Russo. I lavori inizieranno subito.  In linea generale – riferisce Coletto – abbiamo concordato sul fatto che le regioni avranno il compito di realizzare il coordinamento dei Comuni e di offrire l’opportunità di gestire su scala regionale o interregionale gare d’appalto centralizzate per ottenere risparmi e consentire ai Comuni che riterranno di aderire di spendere meno o di avere più risorse da destinare agli interventi, che sono di loro competenza. Altro tema delicato – dice Coletto -  è quello degli interventi in proprietà privata (sfalcio erba e depositi stagnanti di acqua), che sarà da gestire in sinergia con i Comuni, anche attraverso ordinanze sindacali. Questo a grandi linee, poi sarà il tavolo a definire i dettagli. Molto importante – conclude Coletto – l’accordo unanime già raggiunto sui tempi degli interventi larvicidi di primavera, che saranno definiti e uguali per tutti, per rafforzare la prevenzione e attivarla con le stesse modalità su tutte le aree. L’obbiettivo è quello di far massa critica riuscendo a trattare contemporaneamente più regioni, creando ambienti disagiati per lo sviluppo delle zanzare, e nello stesso tempo eliminando le larve che originano le zanzare, veicolo del virus. Verranno potenziati anche tutti i sistemi di monitoraggio attraverso i pronto soccorso, i medici di medicina generale, i controlli sui donatori di sangue e tutte le altre iniziative che saranno valutate utili».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento