rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Attualità Ponzano Veneto

West Nile, tre casi sospetti nella Marca: «Rinforzare le misure di prevenzione»

Lettera dell'Ulss 2 ai sindaci: morti un 73enne di Ponzano Veneto e un 87enne di Salgareda, dimesso invece un 72enne di Cessalto. Appello ai cittadini: «Evitate di far ristagnare l'acqua»

L'Ulss 2 è alle prese con tre casi di West Nile in provincia di Treviso. Il primo risale al 15 luglio quando il Servizio igiene e sanità pubblica del Dipartimento di prevenzione ha ricevuto la notifica di un caso probabile di arbovirosi da West Nile nel comune di Ponzano Veneto. Un 73enne con significative comorbidità è deceduto in seguito a malattia neuroinvasiva. I test di conferma sono stati inviati a Padova. Sempre in data 15 luglio è stato comunicato un secondo caso sospetto, riguardante un 72enne residente a Cessalto, anche lui affetto da altre patologie concomitanti. Il paziente è già stato dimesso dall'ospedale ed è in buone condizioni di salute. Il 16 luglio il Sisp ha ricevuto una terza segnalazione, relativa al decesso di 87enne residente a Salgareda, anch’egli con patologie concomitanti. Al fine di garantire le adeguate misure preventive per i cittadini, in attesa della conferma laboratoristica dei casi con test mirati, il Servizio igiene e sanità pubblica ha dato immediata comunicazione dei casi probabili ai sindaci interessanti, ricordando tutte le misure utili da adottare, sia ai privati che ai Comuni. Il virus West Nile è presente in Veneto dal 2008, e la zanzara Culex Pipiens (la zanzara comune) ne rappresenta uno dei principali vettori.

I consigli dell'Ulss 2

Le azioni promosse dalla Regione, e messe in atto dall’Ulss 2, prevedono la sorveglianza dei focolai larvali (dai quali si sviluppano le zanzare) in tutto il territorio: ai Comuni viene chiesto di inviare i piani di disinfestazione ordinaria entro febbraio. L’Ulss provvede successivamente a valutare eventuali criticità, tramite le verifiche di efficacia dei trattamenti larvicidi calendarizzati, monitoraggio delle trappole e con azioni mirate nei confronti del vettore ove previsto. Al fine ridurre il rischio di focolai si raccomanda a tutta la cittadinanza di non abbandonare oggetti e contenitori di qualsiasi natura dove possa raccogliersi l’acqua piovana e, nondimeno, di svuotare giornalmente qualsiasi contenitore di uso comune con presenza di acqua. Inoltre, condomini e proprietari di edifici dovranno trattare in forma preventiva e periodica le caditoie ed i tombini presenti in giardini, cortili e aree esterne di pertinenza degli edifici, con idoneo prodotto larvicida in compressa (è escluso l’utilizzo di adulticidi). I trattamenti andranno annotati in un apposito registro da esibire su richiesta degli incaricati alla vigilanza sull’osservanza delle disposizioni. Particolari precauzioni dovranno essere seguite anche da proprietari di scarpate e cigli stradali, corsi d’acqua, aree incolte e aree dismesse, dai consorzi, dalle aziende agricole e zootecniche. È importante inoltre applicare misure barriera nelle abitazioni, in particolare dove dimorano soggetti con fattori di rischio (zanzariere) e applicare repellenti cutanei idonei a base di Deet o Icaridina ad una concentrazione superiore al 10% (ogni 3-4 ore nei luoghi di esposizione o densità vettoriale). Nei bambini sotto i 2 anni è consigliata l'applicazione di prodotti a base di Paramatandiolo (Citrodiol).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

West Nile, tre casi sospetti nella Marca: «Rinforzare le misure di prevenzione»

TrevisoToday è in caricamento