Xiloteca Trevigiana: svelato il nuovo allestimento

Un giro del Mondo in 300 tavole capaci di coinvolgere tutti i cinque sensi. Un nuovo spazio per una singolare collezione presentato negli spazi del Lepido Rocco di Lancenigo

E' stato inaugurato nella giornata di giovedì 6 giugno il nuovo allestimento della Xiloteca Trevigiana presso la Scuola  Professionale Lepido Rocco a Lancenigo di Villorba. 

L’esposizione si arricchisce di nuovi significati in virtù della sede scelta per valorizzare l’inestimabile patrimonio della raccolta che conta 300 tavole di specie legnose provenienti dai cinque continenti, ovvero uno  spazio contiguo a un laboratorio didattico di falegnameria, all’interno di un istituto in cui è attivo il percorso formativo per Operatore del Legno. Confartigianato Imprese Marca Trevigiana è riuscita a dare forma alla volontà, condivisa con la Fondazione Lepido Rocco, di generare un moltiplicatore di valore per gli studenti che frequentano l’istituto, offrendo loro la possibilità di “consultare” un archivio ineguagliabile per quantità e qualità dei materiali, in maniera concreta e immersiva accedendo, con immediatezza e attraverso i sensi, a una varietà e una ricchezza di informazioni che consentono di cogliere e apprezzare le peculiarità della materia prima legno. L’esclusività della Xiloteca Trevigiana, che il gruppo Legno Arredo dell’Associazione ha acquistato più di 10 anni  fa dalla Famiglia Velo, proprietaria di un’ antica segheria a Treviso, è rappresentata dal numero di essenze che la compongono: se si considera che le specie legnose, normalmente lavorate nel mondo, sono tra le 120 e le 150, si comprende l’importanza della raccolta che praticamente contiene quasi tutte le specie lavorabili, più un centinaio di altre specie rare e particolari provenienti da tutto il mondo. Inoltre la peculiarità che la rende unica  è che non si tratta di pezzetti di legno, di campioni, ma di tavole vere e proprie, quasi sempre lunghe qualche metro, che si possono toccare, percependone caratteristiche estetiche e morfologiche.

Ogni asse è corredata da una scheda esplicativa, curata dall’Orto Botanico di Bergamo “Lorenzo Rota”, che riporta nome scientifico e nome comune, la famiglia, i Paesi d’origine e la distribuzione, la morfologia, l’habitat, le minacce e le misure di conservazione e la descrizione del legno. La collezione assicura la possibilità di apprezzare la bellezza di ogni varietà esposta, permettendo inoltre di comprendere i vari passaggi di lavorazione dei legni, da semplice materia prima  che  entra  in segheria come tronco, fino ad arrivare, attraverso la trasformazione produttiva, al manufatto finale, pronto per il mercato. Visitare la Xiloteca Trevigiana significa fare un viaggio esperienziale all’interno di un luogo in cui la materia prima, data la sua polisensorialità, genera molteplici emozioni. All'interno del percorso espositivo tutti i cinque sensi potranno essere sviluppati. Il tatto con l’imperfezione tattile, le nervature percepibili attraverso le dita, la tessitura di fibra, la discontinuità, il calore si contrappongono alla fissità e all’uniformità di materiali come ad esempio la plastica. La vista con la disuniformità, i nodi, le nervature sono determinanti anche per la vista. Le superfici aventi effetti rigatino fiammato e concentrici stimolano l’osservazione e l’analisi dei dettagli. Olfatto: odorare i campioni è un’esperienza che porta direttamente al carattere della specie e all’habitat  in cui si è sviluppata. E infine l'udito: il legno è gentile, emette un suono tendenzialmente sordo, non lo amplifica, lo modula seguendo leggi fisiche complesse. La Xiloteca, inserita nei circuiti turistici trevigiani, costituisce inoltre una tappa di pregio che valorizza non solo il patrimonio di settore, ma anche l'offerta culturale, come testimoniano le esperienze maturate dalle oltre 5mila persone che l’hanno visitata dalla sua apertura ad oggi nella sede dell’ Istituto Superiore Giorgi Fermi di Treviso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Diabete e festività: come scegliere i cibi senza rinunce

  • Gravissimo scontro tra uno scooter e un'auto: 24enne muore tra le braccia del fidanzato

  • L'uscita domenicale in bici finisce in tragedia: morto un ciclista investito da un'auto

  • Legato in un bosco e picchiato per vendetta: nei guai anche un'influencer trevigiana

  • Incidente in motorino, Roberto Artuso muore dissanguato in Congo

Torna su
TrevisoToday è in caricamento