Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

La rabbia del Governatore durante il punto stampa di venerdì 3 luglio: «Siamo passati da Rt=0,43% a Rt=1,63%». Pronta per lunedì 6 luglio una nuova ordinanza regionale

Il Governatore Zaia durante il punto stampa di venerdì 3 luglio

«E' successo quello che vi avevo preannunciato: il Veneto è passato da regione a "rischio basso" a "rischio elevato" perché abbiamo un Rt dell'1,63% e, fino a pochi giorni avevamo un Rt a 0,43%».

Il Governatore del Veneto, Luca Zaia, è una furia durante il punto stampa di venerdì 3 luglio dedicato all'emergenza Coronavirus. «Prendiamo atto di avere a che fare con persone irresponsabili che sui social media, e non solo, diffondono informazioni false che ci costeranno decine di vite umane. Se si continua ad ascoltare i complottisti che sostengono ancora che il virus sia un'invenzione e si va in giro senza mascherine o non rispettando le regole, il Veneto dovrebbe essere considerato una regione a rischio elevatissimo - ha detto Zaia -. Quando il virus tornerà forte qui non ce ne sarà più per nessuno. Non voglio terrorizzare i veneti ma oggi è una giornata molto negativa. Non chiedetemi se il virus tornerà ad ottobre: il virus è già qui. Abbiamo 5 positivi, 3 a Vicenza, 1 a Padova e 1 a Verona. Questi casi hanno dato vita a 52 isolamenti fiduciari in provincia di Vicenza e 37 in provincia di Verona. A me non sembra normale che accada questo. A Vicenza un positivo al virus, tornato in Italia dalla Serbia, ha rifiutato il ricovero in ospedale ma in questi casi il ricovero dovrebbe essere coatto - continua Zaia - Se si mette a rischio la saluta pubblica bisogna mettere i ricoveri e Tso obbligatori. Questa persona ora è ricoverata in Rianimazione. Uno dei colleghi che viaggiava con lui in auto viveva in provincia di Padova e l'altro in provincia di Verona. Entrambi, entrati in contatto con decine di persone, hanno provocato decine di isolamenti fiduciari nelle due province. Sono veramente rammaricato - conclude Zaia - Abbiamo dato disposizioni di tolleranza zero e, se ci saranno gli estremi, provvederemo a denunciare tutte le persone che adotteranno comportamenti irresponsabili. Chi pensa sia tutto finito si sbaglia. E' una cosa gravissima ed è assurdo che la Legge prevede una multa di solo mille euro per chi gira senza mascherina o continua a circolare pur sapendo di aver potuto contrarre il virus nei giorni precedenti. Questa gente va denunciata. Lunedì presenteremo una nuova ordinanza regionale a riguardo» conclude il Governatore.

Il video del punto stampa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • A Monastier il primo punto tamponi privato: «Accesso senza prenotazione»

  • Incidente mortale in Treviso Mare: motociclista muore a 61 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento