rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Attualità Zero Branco

Zero Branco: patto di fratellanza con Ivano-Frankove, comune a 20 chilometri da Leopoli

Il voto unanime del Consiglio Comunale. Al paese ucraino nel marzo scorso erano stati destinati viveri e aiuti frutto di più raccolte organizzate nel Comune trevigiano, dove tutt’ora risiedono cittadini ucraini 

Il Comune di Zero Branco e quello ucraino di Ivano-Frankove stringono un formale patto di fratellanza. Nel corso della seduta del Consiglio Comunale di ieri, infatti, su proposta della Giunta è stato prima approvato un regolamento per la stipula e la gestione di gemellaggi, patti di amicizia, patti di fratellanza e scambi nazionali e internazionali, quindi - con voto unanime da parte dei Consiglieri - è stata approvata la delibera che va a suggellare la cooperazione tra Zero Branco e Ivano-Frankove, Comune di circa 6 mila abitanti del distretto di Yavorisky, Regione di Leopoli.

Il legame con questo Comune nasce nel mese di marzo 2022, poche settimane dopo lo scoppio del conflitto in Ucraina a fronte dell’invasione russa: l’Amministrazione Comunale di Zero Branco, una volta soddisfatte le esigenze delle persone arrivate nel territorio comunale, ha avviato grazie a molti volontari una serie di raccolte di beni primari, quali viveri, medicinali e articoli sanitari per aiutare concretamente la popolazione ucraina rimasta in patria. In più momenti gli aiuti, tramite una realtà di volontariato ucraina, sono giunti a Ivano-Frankove e quindi distribuiti anche nel territorio circostante.

A fronte di tali iniziative il Sindaco del Comune di Ivano-Frankove, Iryna Perun, a nome del proprio Consiglio Comunale, ha formalizzato al Comune di Zero Branco la proposta di stipulare un patto di fratellanza, al fine di sviluppare ulteriormente e in diversi ambiti la cooperazione tra le due comunità. Andare a formalizzare un vero e proprio rapporto permanente, di alto valore e significato, consente alle due Amministrazioni di sostenere tematiche quali la libertà dei popoli, la salvaguardia dell’identità etnica, religiosa e culturale nonché linguistica e storica, per promuovere lo sviluppo sociale, culturale ed economico delle singole comunità.

«Abbiamo accolto con estrema convinzione la proposta giunta dal Comune di Ivano-Frankove”sottolineano il Sindaco Luca Durighetto e l’Assessore alle Politiche Sociali Lucia Scattolin, “la nostra comunità si è fin da subito adoperata con grande spirito di solidarietà per accogliere e dare sostegno, in più forme e modalità, a questo popolo colpito dalla guerra. Tanto che tutt’ora ben 31 persone di nazionalità ucraina fuggite dal conflitto sono ospitate nel nostro territorio. I principali protagonisti di questo patto saranno i giovani, che saranno coinvolti in programmi di scambi e relazioni con i coetanei, insieme a scuole ed associazioni. La votazione unanime del Consiglio Comunale dimostra come Zero Branco creda in un processo di integrazione che promuova il dialogo interculturale, lo scambio di esperienze, conoscenze e valori, in un confronto costruttivo che porta ad un arricchimento reciproco e parla di unione e di pace fra i popoli».

Il patto con Ivano-Frankove rappresenta solo il primo di una serie di accordi con altri Comuni, sia italiani che esteri, che l’Amministrazione Comunale intende portare avanti al fine di ampliare le possibilità di crescita e confronto per le giovani generazioni del territorio comunale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zero Branco: patto di fratellanza con Ivano-Frankove, comune a 20 chilometri da Leopoli

TrevisoToday è in caricamento