menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luca Zaia durante il punto stampa sull'emergenza Covid

Luca Zaia durante il punto stampa sull'emergenza Covid

Covid, Zaia: «Spero che da venerdì il Veneto torni in zona arancione»

Attesa per la nuova classificazione di venerdì 26 marzo. Sui vaccini: priorità a donne sopra i 75 anni e a uomini Over 65 dopo aver concluso gli Over 80. In arrivo un numero verde

«La luce in fondo al tunnel si vede. Da lunedì 29 marzo tutta Italia sarà arancione (e rossa) nei giorni feriali, solo rossa nei festivi (Pasqua e Pasquetta compresi). Ovviamente se una regione è in zona rossa resterà zona rossa. La speranza è che questo venerdì il Veneto torni in zona arancione». 

Lunedì 22 marzo il Governatore Luca Zaia inizia con queste parole il punto stampa sull'emergenza Covid in Veneto: «Sui vaccini abbiamo fatto questa mattina una riunione di oltre tre ore - ha spiegato Zaia - entro la prima settimana di aprile speriamo di chiudere le vaccinazioni degli Over 80 in Veneto. Gli Over 80 verranno contattati telefonicamente o con lettera dalle Ulss, non dovranno prenotarsi salvo comunicazioni diverse. Per le prenotazioni di tutti gli altri saranno attivati dei link nei siti delle Ulss dove prenotarsi in base alla classe dell'anno di nascita. Le donne sopra i 75 anni e gli uomini Over 65 saranno le categorie che, nelle prossime settimane, avranno la priorità - ha spiegato il Governatore - Rinforzeremo le liste di attesa e le varie Ulss potrebbero chiamare con un giorno di anticipo i cittadini in attesa nel caso in cui ci siano nuove defezioni. AstraZeneca può essere usato senza limiti d'età ma non sarà somministrato a persone con patologie gravi. Al momento è il vaccino che stiamo utilizzando di più in Veneto anche perché in magazzino ci sono rimaste 16.224 dosi Pfizer e 12.373 dosi di Moderna. Questa settimana dovrebbero arrivare 131.370 nuove dosi di vaccini ma non siamo sicuri che le scorte di Moderna e Pfizer siano confermate - ha annunciato Zaia - Moderna è due settimane che non ci consegna nuove dosi. Tutti i dimessi con più di 65 anni saranno vaccinati in ospedale prima della dimissione mentre i parenti dei dipendenti vaccinati in azienda potranno essere vaccinati solo se hanno più di 60 anni - ha annunciato il Governatore - Da alcuni giorni abbiamo gettato il cuore oltre l'ostacolo vaccinando il più possibile e tenendo meno dosi del solito per i richiami - ha detto Zaia - Ieri Treviso ha vaccinato 3mila persone di domenica: non accetto si dica che la campagna vaccinale in Veneto non sta funzionando. Ci scusiamo con i cittadini che hanno avuto dei disguidi però ci vuole fiducia e pazienza. Nei prossimi giorni apriremo un numero verde regionale a supporto dei numeri provinciali già attivi. E' una mole di vaccini da paura» ha concluso il Governatore.

Il bollettino di Azienda Zero

Superati gli 8 milioni di tamponi fatti in Veneto dall'inizio della pandemia. Nelle ultime 24 ore sono 981 i nuovi positivi su 16.281 tamponi fatti per un'incidenza del 6%. 39.174 i positivi ad oggi in isolamento, di cui la metà è asintomatica. 1958 i ricoverati negli ospedali del Veneto (+49 rispetto a ieri) di cui 244 pazienti Covid e 282 non Covid in terapia intensiva (+6 rispetto a domenica). 356 la punta massima di ricoverati Covid in Rianimazione, l'anno scorso ad aprile 2020. Altri 14 i decessi nelle ultime 24 ore.

Il video della diretta

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Attualità

L'Arsenale di Roncade ceduto al fondo francese C-Quadrat

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Zona gialla dal 26 aprile, Confcommercio: «Grande iniezione di fiducia»

  • Incidenti stradali

    Scontro in A4 tra due tir e un'auto: morto sul colpo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento