Assindustria interviene sul caso Lotto: "Vicini all'azienda"

Il commento dell'associazione dei giovani imprenditori veneti non si è fatto attendere in occasione della complessa vicenda processuale in cui è coinvolta l'azienda

Foto d'archivio

Assindustria Venetocentro Imprenditori Padova - Treviso è intervenuta in queste ore sulla situazione di Lotto, importante azienda industriale del territorio da sempre parte attiva della rappresentanza associativa. 

«Abbiamo grande attenzione come Assindustria Venetocentro alla delicata situazione di Lotto, una delle aziende di riferimento non solo del territorio trevigiano, ma anche venete e italiane – dichiara Massimo Finco, presidente di Assindustria Venetocentro Imprenditori Padova - Treviso - Stiamo seguendo anche l’iter processuale in corso in questi giorni per garantire, insieme alla proprietà e al management, il massimo sostegno in questa fase a tutela del grande patrimonio di competenze e professionalità presenti in Lotto e assicurare la necessaria serenità all'azienda e ai suoi molti collaboratori. Siamo certi ci sarà misura e considerazione di tutte le implicazioni nelle decisioni che saranno prese». «Lotto è una componente rilevante della storia industriale trevigiana e i suoi prodotti si sono affermati con successo nel mondo nel difficile segmento dello sportswear, anche con grandi campioni e grandi squadre – dichiara Maria Cristina Piovesana, presidente vicario di Assindustria Venetocentro - La nostra associazione continuerà  ad essere vicina a questa azienda, nella rappresentanza e nei servizi, con l’auspicio che riesca presto a superare al meglio questa fase e proseguire nel suo importante percorso imprenditoriale». 

REGIONE: SALVAGUARDARE INTERESSE COMUNE La Regione sta seguendo con preoccupazione il fallimento di Futura 5760, la holding di controllo di Lotto, che avrebbe una forte ripercussione su un’importante azienda del settore dello sportsystem italiano e mondiale e un grave impatto sull’occupazione di ben 500 dipendenti. «Auspico sempre che situazioni di conflitto tra le parti possano trovare composizione in un contesto extra giudiziale – afferma l’assessore al lavoro della Regione del Veneto, Elena Donazzan –. Purtroppo in questo caso la vicenda si è drammaticamente spostata su un piano che si fatica a definire e che mi preoccupa molto per la ricaduta sul buon nome dell’azienda Lotto, tra le più conosciute al mondo per la produzione sportiva e con una rilevanza occupazionale di tutta grandezza».

«Invito alla cautela tutti i soggetti coinvolti – prosegue l’assessore –. In alcuni casi situazioni complesse di aziende interessanti per il mercato degli investimenti si risolvono sul piano giudiziario, dando alla magistratura un compito delicato: da tali decisioni, infatti, derivano ricadute su diversi ambiti, occupazionali, economici e sociali del territorio». «Talvolta nei casi di crisi aziendali, sullo sfondo si muove, purtroppo, un mondo speculativo molto attento alle vicende delle migliori aziende italiane, attendendo di poterle aggredire nel momento di loro massima fragilità – conclude Donazzan che, già in diverse occasioni, ha evidenziato la difficolta di tutelare le aziende da questo genere di agguati – Anche decisioni assunte al di fuori del perimetro aziendale, possono determinare un’esposizione delle aziende alla violenza del mercato». L’assessore, condividendo la posizione espressa dalla Cisl di Treviso e Belluno, auspica che nelle sedi giudiziarie si tenga conto anche della salvaguardia dell’interesse comune.

Potrebbe interessarti

  • Male incurabile, giovane mamma perde la vita a soli 44 anni

  • Palazzetto da intitolare a Sara Anzanello: l'opposizione abbandona l'aula

  • Il Ca' Foncello entra nel programma di ricerca dell'Università di Padova

  • Decano della ristorazione e re dei funghi, addio a Roberto Miron

I più letti della settimana

  • Preso a bastonate e soffocato con un cuscino: arrestate per omicidio

  • Si schianta contro un'auto con la Vespa, muore 45enne

  • Malore fatale nella notte, muore una 45enne

  • Malore fatale mentre fa jogging, stroncato da un infarto a 71 anni

  • Ferma la corriera e abbandona 55 bimbi in autogrill: «Vado a Jesolo»

  • Furgone si schianta contro un platano, due morti e un ferito grave

Torna su
TrevisoToday è in caricamento