Aziende

Vini Astoria: dieci anni al Giro d'Italia

Oltre 31mila chilometri con la carovana rosa e alla fine si brinda sempre con il prosecco, ma da quest'anno con una bottiglia speciale

Astoria Wines festeggia il suo decimo anno sul podio del Giro d’Italia: l’azienda trevigiana, che ha portato il suo Prosecco sulle strade della Penisola (e non solo) a fianco dei campioni delle due ruote.

Filippo Polegato di Astoria Wines, dalla prima edizione al seguito del Giro, dichiara: «Abbiamo fatto oltre 31mila chilometri con la carovana rosa (come andare al Polo Sud e tornare indietro) e vissuto tutto l’entusiasmo del popolo del ciclismo, quindi avevamo voglia di celebrare i nostri 10 anni. Con la “Special Edition 10” porteremo la festa a casa di 100 grandi appassionati».

La collezione di Astoria Astoria al suo 10° Giro d'Italia Alla maglia rosa un Prosecco Rosé

Quest’anno al Giro d’Italia tra le bottiglie nere stappate ogni giorno sul podio, ne spicca una tutta rosa: è la Special Edition che Astoria ha realizzato solo per il brindisi del detentore della Maglia Rosa. 

Alla fine del Giro, il vincitore assoluto non solo si porterà a casa la Special Edition, ma ne firmerà altre 100, una serie numerata che sarà in vendita per gli appassionati. Il ricavato della vendita di queste bottiglie sarà devoluto ai progetti della Fondazione Scarponi, nata in memoria dell’amato ciclista Michele Scarponi, scomparso nel 2017.

Spiega Filippo Polegato di Astoria Wines: “Volevamo creare qualcosa di unico per celebrare i nostri dieci anni a fianco del Giro. Con la “Special Edition 10” non solo porteremo la festa a casa di 100 grandi appassionati, ma potremo anche omaggiare la memoria di Michele Scarponi, un uomo che ha incarnato i valori più belli del ciclismo. Voglio ringraziare Alessandra Cappellotto e Cristian Salvato dell’ACCPI per averci aiutato a realizzare questo progetto.”

Spiega Marco Scarponi: “La fondazione è nata per ricordare Michele impegnandoci affinché nessuno muoia più a causa della violenza stradale, con progetti dedicati alla sicurezza stradale e alla mobilità sostenibile. Il Giro d’Italia è la corsa che Michele ha amato più di tutte ed è molto importante che da questo evento parta un grande messaggio di pace e di speranza sulla strada.”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vini Astoria: dieci anni al Giro d'Italia

TrevisoToday è in caricamento