menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bike & Sound: da Milano a Roma con il Prosecco

Un viaggio di 530 km in bici, 10 tappe e una speciale PONTE1948, con arrivo nella sede dell'azienda a Ponte di Piave

Prosecco e musica, due elementi che da sempre creano aggregazione, convivialità, condivisione, in questo particolare momento storico si alleano per rompere il silenzio attraverso un'impresa benefica, forte e senza precedenti.  

PONTE1948 e Bike & Sounds, insieme per un progetto di cuore che vuol dare voce a chi, in questi mesi di pandemia, è stato fermo e in silenzio. L’energia e l’adrenalina di un team di addetti ai lavori tra i più conosciuti del mondo dello spettacolo, saranno i mezzi fondamentali per aiutare chiunque viva uno stato di emergenza prolungato nel tempo. 

La bici, le tappe, una partenza, un arrivo. Il sudore e la gioia di un brindisi, saranno gli ingredienti principali di un racconto in compagnia di chi, per lavoro, è abituato a far fatica: direttore di produzione, tour manager, lighting designer, safety manager, stage manager, site manager, fonico, rigger, staging crew, architetto e local promoter. Tutti ruoli fondamentali per la riuscita di un intento comune.

Dieci ciclisti affronteranno 530 km in bici. La partenza: dopo il battesimo avvenuto il 1 marzo, vigilia del Festival, al teatro Ariston di Sanremo, si inizia a maggio da Milano, passando per Verona, Padova, Bologna, Rimini fino ad arrivare a Roma, ultima tappa di questa solidale iniziativa. Un viaggio ricco ed emozionante, supportato da RADIO DEEJAY con Summer Camp, RADIO FRECCIA, RADIO POPOLARE, dalla rivista ROLLING STONE e molti altri.

. Insieme a loro Viticoltori Ponte, storica azienda tra le più dinamiche e importanti del panorama vinicolo internazionale, che ha deciso di accompagnarli durante tutto il tour creando una bottiglia speciale per brindare ad ogni tappa, con lo scopo di sentirsi parte dello stesso mondo in un periodo in cui siamo tutti lontani.E' una iniziativa nel pieno rispetto delle norme anti Covid-19. 

Prosecco Doc Extra Dry Treviso. Ha ricevuto moltissimi premi in tutto il mondo, vestito con una straordinaria etichetta appositamente disegnata da Giulia Sirianni, in arte Zafra, illustratrice in 2D e concept artist italo-colombiana attualmente basata a Londra e che ha al suo attivo centinaia di illustrazioni per il mondo della musica, dell'abbigliamento e dell'editoria. 

PONTE1948forBIKE&SOUNDS-2

BIKE & SOUNDS  *DA MILANO A ROMA  *10 CICLISTI PIU’ SPECIAL GUEST 
(molti grandi artisti scalpitano per prendervi parte) 
  
L'obiettivo di Bike & Sounds è quello di condividere e raccontare ciò che accade a luci spente, quando scenografie e costumi lasciano la scena a chi ‘pedala’ a testa alta, con costanza e in gruppo compatto, arrivando insieme verso la meta ogni singolo giorno. Con l’obiettivo principale, vera forza motrice di questa iniziativa, di aiutare chi ha avvertito la necessità di far sentire la propria voce, chi ha subito sopraffazione in casa senza poter urlare l’emergenza di quella situazione. 
A parlare saranno i racconti, le immagini, i volti, raccolti in un documentario itinerante. 
Professionalità, sicurezza, rispetto, trasparenza ma anche sudore, passione e condivisione sono solo alcune delle caratteristiche che descrivono il settore della musica dal vivo. 
Bike & Sounds vuole valorizzare e presentare le molteplici figure professionali coinvolte nel settore musicale. Tutte figure fondamentali nella buona riuscita di uno show, ma che in questa circostanza si uniscono per dare aiuto e regalare un megafono al silenzio. 
Supportare chi, a prescindere dallo specifico settore, è in difficoltà. 
L’intento del tour è quello di alzare il volume per dare voce a questo difficile silenzio, conseguenza di un anno umanamente complicato. Bike & Sounds darà voce alle realtà nascoste, incoraggiando ad emergere chi sta subendo violenze e non riesce a parlare perché si sente schiacciato. Per questo verranno sostenute campagne di sensibilizzazione contro la violenza di genere. 
Perché la musica è legame, è passione, è prendersi cura, è emozione, è vita. 
Riaccendiamo la musica partendo dal suono delle ruote sull’asfalto, del vento che accarezzerà il gruppo e di un brindisi di gioia, per arrivare nel cuore di chi vive costantemente in uno stato di emergenza. 
Un concerto non ha età. Un concerto non ha tempo. Ecco perché non dobbiamo né abituarci né arrenderci a questo silenzio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento