Carbonio e occupazione: Novation Tech si amplia in Croazia e nella Marca

Nel 2019 registrato un +40% nel fatturato e +22% sui numeri relativi all'occupazione per l’azienda di Montebelluna che si prepara ad un ampliamento sia all'estero che a Treviso

Alta tecnologia e know-how manifatturiero: sono i due fattori che spiegano il successo di Novation Tech. L’azienda di Montebelluna specializzata nella lavorazione dei materiali compositi a base di carbonio è reduce da un anno in grande espansione: il fatturato è passato dai 39,8 milioni di euro di fine 2018 a 56 milioni di fine 2019 (40,7%). Parallelamente è cresciuta l’occupazione: nello stabilimento di Montebelluna i dipendenti sono passati da 270 a 330, +22%, stessa crescita percentuale dello stabilimento ungherese dell’azienda (da 370 a 450 collaboratori).  In aumento anche la redditività: l’Ebitda è passato da 4,3 a oltre 7 milioni di euro, in crescita del 62,7% nell’ultimo anno.

Panoramica (1)-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Novation è specializzata nella lavorazione della fibra di carbonio e dei cosiddetti “materiali compositi”. In particolare crea sedili monoscocca e componenti interne ed esterne per auto sportive di grandi marchi come Ferrari, Lamborghini, oltre a stanghette per occhiali, selle per bici da corsa e produzioni minori. Spiega l’Amministratore Delegato Luca Businaro: «La nostra peculiarità sta nell’aver sviluppato processi e tecnologie per una lavorazione veloce (si fa per dire: costruire un sedile in carbonio monoscocca richiede dalle 10 alle 16 ore di lavoro) e di alta qualità. Alla tecnologia si aggiunge una manodopera altamente specializzata, proveniente in molti casi dal mondo della lavorazione delle materie plastiche e della calzatura del distretto dello Sportsystem». Il risultato è una azienda in crescita, al punto da non riuscire a star dietro agli ordini pur lavorando h24 sette giorni su sette. In primavera verrà inaugurato il nuovo stabilimento in Croazia, destinato alla produzione di semilavorati, che verranno poi completati in Italia. E a Montebelluna Businaro ha già in programma un’ulteriore crescita: «A gennaio abbiamo acquisito uno spazio vicino allo stabilimento principale, 2500mq dove intendiamo realizzare entro l’autunno una nuova area di verniciatura, per le componenti in carbonio esterne ed interne delle automobili. Per la produzione di linea continueremo ad affidarci ai nostri terzisti, mentre questo spazio ci consentirà di realizzare piccole serie e soprattutto i prototipi, così da avere tutto lavorato in casa. È un aspetto molto importante per noi, in termini di ricerca e di sviluppo di soluzioni innovative.” Il nuovo reparto darà lavoro a circa 30 dipendenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Mister Italia 2020, un 27enne di Mogliano vince la fascia di Mister Fitness

  • Rimorchio si rovescia in strada, persi quasi 40 quintali di uva

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento