Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Serena Wines compie 140 anni: Pietro Serena fondò l’azienda a Cornuda

Una storia, quella della casa vitivinicola coneglianese, lunga cinque generazioni legate anno dopo anno da un comune amore per le bollicine

 

Centoquaranta anni di storia e un futuro radioso ancora tutto da scrivere. Nel 2021 la rinomata azienda vinicola Serena Wines 1881 festeggia l’atteso e ambito traguardo del 140° anniversario dalla fondazione

Era difatti il lontano 1881 quando il nobile Pietro Serena fondò l’azienda in quel di Cornuda (TV). Da quel momento l’impresa della famiglia Serena ha continuato a crescere costantemente, anno dopo anno, con l’obiettivo di innovarsi scalando così sia il mercato nazionale che internazionale nell’ambito delle amate bollicine “made in Treviso”. 

Qual è il segreto dell'enorme successo del Prosecco?

  • Perché piace alle donne?
  • Per l' ottimo rapporto qualità/prezzo?
  • Perché è leggero e se ne può bere un calice in più? 
  • Perché è facile da approcciare ed è simpatico perché non ’non se la tira’ come certi colleghi blasonati?
  • Perché ha un corredo aromatico di pronta comprensione?

La risposta a queste domande è un bel sì convinto.

Il segreto del successo di queste bollicine, ora le più amate nel mondo, sta nel fatto che noi veneti abbiamo sempre ‘voluto bene’ a questo vino. Anche quando era antieconomico produrlo, anche quando non era famoso e trendy come oggi. Anche quando veniva ridicolizzato con diminutivi come prosecchino, o -ancor peggio- frizzantino. E quando veniva escluso dai grandi wine tasting perché addirittura considerato quasi un 'non vino' e, come tale, non meritevole di presenziare accanto ai grandi toscani, piemontesi, siciliani.... 

Ma noi abbiamo tenuto duro. Lo bevevano i nostri nonni in osteria e lo bevono i nostri giovanissimi al bar, magari come spritz,  perché i veneti hanno saputo fregarsene delle mode, garantendo così al Prosecco un futuro da evergreen, sempre di moda.

Serena Wines ne è una vivida testimonianza, la storia di una famiglia veneta che da 140 anni, per 5 generazioni ha contribuito fattivamente al successo delle bionde bollicine, ora anche in versione rosé

Un percorso di esponenziale crescita imprenditoriale, quello della dinastia dei Serena, che è oggi arrivato alla quinta generazione di vignaioli, il tutto grazie ad una distintiva lungimiranza comune, nel tempo, a grandi capostipiti come Pietro, Luciano, Adolfo, Giorgio e infine Luca (oggi al timone del marchio).

serena-11

Azienda secolarmente legata al territorio della Marca trevigiana, Serena Wines 1881 può oggi vantare una lunga tradizione nella produzione di Prosecco, vini spumanti, frizzanti, fermi bianchi, rossi IGT e da tavola tanto da soddisfare le esigenze e i gusti di tutti gli amanti del buon vino. Collocata in Via Camillo Bianchi a Conegliano, nel cuore della nota regione delle colline del Prosecco (dal 2019 Patrimonio dell’Umanità UNESCO), Serena Wines 1881 dimostra giorno dopo giorno il suo forte legame con il territorio, come raccontano anche le sue storiche residenze (in primis la Tenuta Ossi) che si trovano sparse tra le dolci colline ricamate dai vigneti, simbolo emblematico di un passato che fu e di un futuro che sarà.  

Dai vigneti dell’area di Costa fino a quelli sui colli di Tarzo, la parte più a nord del territorio docg, l’azienda da sempre a conduzione familiare si caratterizza per una profonda ed evidente passione enologica legata ad una impareggiabile tenacia nel lavoro quotidiano delle sue maestranze. Se da un lato il rispetto delle leggi vitivinicole si è fuso nel tempo con l’innovazione, dall’altro resta ancora viva e inalterata la tradizione e la passione per il mondo del vino così come da volere del suo fondatore Pietro Serena.

Da piccola impresa locale del territorio trevigiano, infatti, Serena Wines 1881 viene ora globalmente considerata come una delle principali realtà del Prosecco DOC.  Inoltre, tra circa 2.000 produttori di Prosecco, Serena si classifica oggi nei primi 10 in termini di volumi, per un marchio nel quale la massima priorità è data alla qualità finale del vino e alla soddisfazione del cliente. 

Il volume d’affari

L’azienda è leader in Italia nel mercato HoReCa ed è oggi presente in circa 50 paesi sparsi per tutti i continenti.

La storia di Serena Wines 1881

Il Nobile Pietro Serena fonda l’azienda Vinicola Serena a Cornuda (TV) nel 1881. Nel 1930 lo stesso sviluppa poi l’azienda nella sede di Crocetta Trevigiana (denominazione originaria dell’attuale comune di Crocetta del Montello), mentre tra gli anni ‘70 e ’80 l’azienda Vinicola Serena si sposta a Susegana dove si arricchisce di un impianto di imbottigliamento e del primo impianto di infustamento in Italia. Nel 1990, invece, prende avvio il mercato del vino in fusto e l’azienda raggiunge la leadership nel mercato nazionale dei fusti a rendere da 25 litri. Tredici anni dopo, nel 2003, l’azienda inizia ad investire nel mondo degli spumanti in bottiglia e trova la sua sede definitiva a Conegliano (in uno stabilimento di 35.000 metri quadri, con una capacità di stoccaggio di 50.000 ettolitri con impianti in grado di produrre 400 fusti all’ora, 3500 al giorno, 800.000 all’anno). Nel 2010 l’impianto si arricchisce così di autoclavi per il metodo Charmat e nel 2016 viene inaugurato il nuovo impianto di imbottigliamento per i formati 0,75 e il nuovo 0,20. Oggi, a ben 140 anni dalla fondazione, l’azienda punta sull’innovazione con lo sviluppo degli spumanti, come il Biologico, e sull’investimento in macchinari per i fusti a perdere (one way). Tutto ciò con uno sguardo orientato al futuro e all’internazionalizzazione, con un focus preciso sui nuovi mercati globali, mantenendo l’indiscusso core business degli spumanti in bottiglia e dei fusti.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento