rotate-mobile
Aziende

Qui l'enoturismo si va davvero

In piena pandemia Giusti Wine porta sul territorio di Nervesa della Battaglia 6000 visitatori tra cantina e Abbazia di Sant’Eustachio

È più che positivo il bilancio del 2021, primo anno di piena attività per la cantina Giusti Wine, progetto voluto dall’imprenditore Ermenegildo Giusti. Il segreto? Aver investito oltre 20 milioni di euro in un angolo del Nord Est ancora da conoscere: il Montello. «Ho concentrato le risorse nel solo comune di Nervesa della Battaglia con un obiettivo: creare consapevolezza del potenziale di questa terra che tanto amo. Ho cercato di portare qui un modello di bellezza per stimolare tutti gli abitanti a credere nel proprio territorio, curando i propri giardini, le proprie case, gli spazi comuni» afferma Ermenegildo Giusti.

Il suo impegno parte dalla ristrutturazione dell’Abbazia di Sant’Eustachio, che versava in condizioni di abbandono, e dove, grazie alla riapertura, oggi si contano circa 3000 visite all’anno. «Qui è stato scritto il Galateo, una pietra miliare della letteratura, che ha contribuito a definire l’arte del ricevere italiana».

A questo progetto è seguita la realizzazione della cantina, estesa su 5 piani di cui due interrati, che nel 2021 ha visto oltre 3000 visitatori. Il segreto? Evitare la narrazione stereotipata. Una volta entrati, infatti, si viene accompagnati attraverso un racconto sincero, fatto di fatica e sogni, che lascia parlare le immagini - quelle del territorio, candidato a patrimonio della biosfera, e quelle della storia di Ermenegildo Giusti, accompagnata dai valori della famiglia, dell’entusiasmo e della visione imprenditoriale.

La visita si svolge lungo una camminata di 400 metri dove scorrono le immagini accompagnate dalla narrazione, più emozionale che tecnica, mentre le aree di vinificazione si scorgono attraverso finestre affacciate sui locali dedicati alla produzione, per garantire la sicurezza dei visitatori e l’igiene dell’ambiente di lavoro.

Il progetto Giusti Wine, iniziato nel Duemila, conta oggi la cantina, 10 tenute immerse nella natura in oltre 100 ettari di terreno, una country house con suites e camere, il ristorante, una guest house e la Villa Maria Vittoria, residenza di charme immersa nei boschi.

Il segreto di questo successo? Parlare in modo semplice e immediato, aprire il proprio cuore e le proprie porte 7 su 7.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Qui l'enoturismo si va davvero

TrevisoToday è in caricamento