rotate-mobile
Martedì, 29 Novembre 2022
Alimentazione

Castagne portatici di benessere, proprietà e ricette tipiche

Il frutto dell'autunno è un vero toccasana che dà molta energia e con cui si possono fare dei piatti deliziosi

L’autunno è arrivato e con lui il primo freddo, ma anche i colori, gli odori e i gusti tipici di questa stagione che ci traghetta verso l’inverno.
In questo periodo, tra i frutti più conosciuti e apprezzati per le sue proprietà ci sono le castagne che crescono molto buone anche nelle nostre colline. La loro maturazione inizia da fine settembre fino a tutto dicembre. 

Sazianti, ricche in fibre e minerali, utile in caso di anemia, stanchezza psicofisica, grazie al loro elevato apporto calorico (circa 287 calorie in 100 grammi), e in gravidanza in virtù del loro apporto di acido folico che previene malformazioni fetali.

La ricchezza in carboidrati complessi le rende simili per valore nutritivo ai cereali: sono una valida alternativa in caso di intolleranza e coprono completamente la parte glucidica del pasto.

Le castagne sono il frutto dell’albero selvatico Castanea sativa. Hanno forma, dimensione, sapore molto variabili anche se prodotte dallo stesso albero. I marroni, castagne più grandi, sono invece il frutto dell’albero coltivato, e hanno caratteristiche più standardizzate, son più pregiati, buoni, costosi.

Le castagne riducono il colesterolo, riequilibrano la flora batterica. Tra le vitamine contenute nelle castagne troviamo: vitamina A, B1 (tiamina), B2 (riboflavina), B3 (niacina), B5, B6, B9 (acido folico), B12, C e D. Tra gli aminoacidi presenti nelle castagne citiamo l'acido aspartico, l'acido glutammico, arginina, serina e treonina.

Le castagne contengono inoltre potassio (antisettico, rinforza muscoli e ghiandole),fosforo (calcificante, collabora alla formazione della cellula nervosa), zolfo (antisettico, disinfettante, contribuisce all'ossificazione), sodio (utile alla digestione e all'assimilazione), magnesio (coadiuva alla formazione dello scheletro e agisce come rigeneratore dei nervi),calcio (ossa, sangue, nervi), cloro (ossa, denti e tendini).

RICARICANO DI ENERGIA

In quanto composte principalmente da carboidrati, le castagne sono ricche di calorie e per questo il loro consumo non deve superare le tre volte la settimana. Tuttavia, il loro valore energetico le rende ottime per combattere stress e stanchezza e anche contro l’influenza dei periodi invernali, per recuperare le forze, agendo come ricostituente naturale.

COMBATTONO L’ANEMIA

Questo frutto autunnale contiene ferro ed è utile per contrastare l’anemia. Inoltre, è ricco di acido folico, una sostanza che aiuta ad evitare alcune malformazioni del feto, motivo per cui le castagne possono essere raccomandate nella dieta per le donne in gravidanza.

AIUTANO L’INTESTINO

Il buon apporto di fibre le rende particolarmente adatte contro la stitichezza, in quanto aiutano a regolarizzare l’apparato intestinale. Tuttavia, è meglio evitare di mangiarle crude, perché possono risultare irritanti.

MIGLIORANO IL SISTEMA NERVOSO

Le castagne contengono sali minerali importanti, tra i quali il fosforo, in grado di potenziare l’attenzione e la memoria, per cui sono cibi utili per il sistema nervoso e per il suo mantenimento attivo.

CONTRASTANO IL COLESTEROLO ALTO

Essendo un alimento di origine vegetale, le castagne sono prive di colesterolo. Questa caratteristica le rende adatte nella dieta per l’ipercolesterolemia, che si basa su alimenti ricchi di fibra vegetale e privi di colesterolo.

Le castagne fanno bene a tutti? Sono controindicate a chi soffre di diabete, obesità e colite per il loro alto contenuto di zuccheri semplici.

Una ricetta gustosa con le castagne?

Il castagnaccio

E' un dolce della tradizione contadina toscana. Un tempo era considerato un piccolo lusso da portare in tavola la domenica. I contadini, infatti, approfittavano dell’autunno e dei raccolti di castagne nei boschi per ridurle in farina e per ottenere questo dolce profumato, delizioso e dal sapore inconfondibile e particolare. Pare che la tradizione del castagnaccio, e la sua ricetta originale, fosse conosciuta già nel 1500 in tutta la Toscana. Divenne poi famosa anche altrove a partire dal 1800.

Ingredienti
300 gr. di farina di castagne:
4 cucchiai rasi di zucchero;
1 bicchiere di acqua;
2 cucchiai di olio evo.
Il castagnaccio è davvero molto semplice da preparare:

setacciare la farina;
mescolarla allo zucchero e all’olio, aggiungendo l’acqua a filo;
impastare fino ad ottenere una buona consistenza;
mettere l’impasto in una teglia da forno e cuocere a 180° per 30 minuti.
Servire tiepido, tagliato a rombi. Volendo, si può decorare la superficie del dolce utilizzando frutta secca, uvetta, pinoli, rosmarino.

che si raffreddino un pochino, dopodichè spellatele e spezzettatele in modo piuttosto grossolano. Mettetele da parte in una terrina. Preparate, quindi, un soffritto con il trito di cipolla. Quando sarà ben dorato, unite il riso e tostatelo per pochi minuti. A questo punto versate il vino e, dopo che si sarà ben asciugato, aggiungete anche le castagne. Mescolate bene, aggiustate di sale, unite anche un pò di pepe a piacere e procedete con la cottura del riso, versando poco per volta il brodo nella quantità necessaria. Quando il riso sarà cotto e tenero, ma ancora al dente, spegnete il fuoco e aggiungete il parmigiano reggiano grattuggiato e il rosmarino".

Mont blanc

Il Monte Bianco (conosciuto anche come Mont Blanc) è un dolce al cucchiaio realizzato con purea di castagne, panna montata e cacao in polvere, la cui forma ricorda quella di una montagna coperta di neve.
Il dolce è molto diffuso in Piemonte e in Francia e il suo nome fa pensare che sia stato inizialmente ideato nel Ducato di Savoia.

castagne lessate 700 g
latte intero 500 g
panna 100 g
cacao amaro in polvere 20 g
rum 50 g
vaniglia estratto 1 cucchiaino
zucchero semolato 120 g
sale 1 pizzico

Per decorare
panna 300 g
zucchero a velo 60 g
marron glacé 4
meringa q.b. (facoltativa) *

Procedimento
In un pentolino metti le castagne precotte assieme al latte, l’estratto di vaniglia, lo zucchero semolato e il sale. Porta a bollore e cuoci a fuoco medio per circa 30 minuti fino a far assorbire tutto il latte.

Una volta cotte, schiaccia le castagne con uno schiaccia patate facendo ricadere la purea all’interno di una ciotola; aggiungi poi il cacao amaro e il rum, mescola il tutto per amalgamare bene gli ingredienti.

Unisci la panna liquida fino a ottenere un composto denso ma cremoso.**

Nel frattempo, monta 300 g di panna con lo zucchero a velo mediante delle fruste elettriche e mettila poi in un sac à poche con la bocchetta a stella.

Metti ¼ di crema di castagne nello schiaccia patate con fori medi e spremila sopra un piatto fino a creare una montagnetta.

Concludi ora decorando con dei ciuffetti di panna montata*** lungo tutto il perimetro del Mont Blanc e anche sulla sommità, quindi decora la cima con un marron glacè.
Il tuo Mont Blanc è pronto! (ricetta di Sonia Peronacci)

Arrosto con le castagne, quando la dolcezza si sposa con la carne

Ingredienti: 
1200 g carne di vitello per arrosto, prezzemolo, una cipolla, uno spicchio d'aglio, rosmarino, un bicchiere vino bianco secco, 25 castagne brodasche secche, olio, burro, sale, pepe.

Preparazione: 
Lasciare le castagne a bagno per almeno un giorno, quindi farle bollire per 3, 4 ore e salare quanto basta.

Fare rosolare olio, aglio, prezzemolo, rosmarino, una carota, e una cipolla, quindi aggiungere l'arrosto di vitello e un bicchiere di vino bianco e cuocere per circa due ore a fuoco lento.

Tagliare l'arrosto e servirlo insieme alle castagne.

Budino di castagne, dolce tipico ligure delicato e genuino

Ingredienti
400 g di castagne, 100 g di zucchero, 3 uova, 60 ml di latte, 70 g di burro, 1 limone non trattato, pan grattato q.b.

Preparazione
Sbucciare le castagne, lessarle e dopo togliere la pellicina. Passarle allo schiacciapatate e raccogliere la purea così ottenuta in una terrina; unirvi lo zucchero, la scorza di limone, 50 g di burro, le uova e il latte. Amalgamare bene il tutto, aggiungendo del pangrattato qualora risulti troppo liquido.  Imburrare uno stampo per budini, spolverizzarlo di pangrattato e versarvi l'impasto.  Cuocere in forno a 180 °C per circa 30 minuti. Lasciate intiepidire il budino di castagne prima di servirlo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castagne portatici di benessere, proprietà e ricette tipiche

TrevisoToday è in caricamento