Alimenti: come decodificare le etichette dei cibi

Spesso il linguaggio criptico di alcune etichette, può rivelarsi fuorviante per l’acquisto dei tuoi prodotti

Biologico, 100% naturale, no OGM, multigrain, senza zuccheri, spesso anche fare la spesa diventa complicato, perché districarsi tra tutte queste indicazioni, il cui unico scopo è attrarci, nonché creare confusione, non affatto semplice. Sai cosa significano veramente parole scritte a caratteri cubitali sui prodotti e soprattutto, sai interpretare i valori nutrizionali nel retro della scatola?

Ecco una guida pratica per decodificare gli alimenti

I commercianti di generi alimentari, hanno sfruttato appieno il crescente interesse dei consumatori nella connessione tra una buona alimentazione e una buona salute. Per far sembrare il cibo sano, si accumulano sul packaging paroloni e acronimi, il cui unico scopo è affascinare emotivamente.

Spesso alcuni termini più comuni più comunemente usati, non hanno un significato legato alla realtà e che si promettono di fare. Altri, mostrano falsamente benefici per la salute o inducono intenzionalmente in errore i consumatori, a credere che un prodotto sia una scelta salutare (o più sana). Ecco alcuni dei più comuni:

‘Naturale al 100%’

Fatta eccezione per i prodotti a base di carne e pollame, questo termine popolare non è regolamentato. Implica solo che il prodotto e tutti i suoi ingredienti ad un certo punto della filiera, hanno avuto origine in natura.

Senza zucchero, senza grassi

Solo perché un prodotto è veramente senza grassi o senza zucchero, non significa che sia più calorico o più salutare.

‘Ottima fonte di fibre’

A differenza di cereali, frutta, verdura e legumi ricchi di fibre, interi e non trasformati, molti prodotti alimentari trasformati (comprese le barrette di cioccolato), contengono "fibre funzionali" aggiunte, alcune delle quali inoltre, sono sintetiche e altre estratte dagli alimenti. Finora, non ci sono prove che queste fibre aggiunte, offrano gli stessi benefici per la salute della fibra che si potrebbe avere dall’assunzione di cibi vegetali integri e non trasformati.

‘Contiene... Fatto con...’
Quindi, un prodotto contiene frutta vera o è fatto con cereali integrali o burro reale. In realtà dovrebbe essere solo di tale alimento, quindi ci si chiede qual è la reale presenza di quel dato alimento. Spesso produttori poco onesti, potrebbero aver spolverato vagamente con una quantità davvero irrisoria di farina integrale o ‘benedetto’ quella data barretta, di una goccia di estratto di mela. Cercare sempre la lista degli ingredienti sulla confezione e il rispettivo apporto in percentuale del prodotto che dice di contenere, aiuta nello scoprire la verità. Gli ingredienti di un prodotto alimentare devono essere elencati in ordine decrescente di prevalenza, in base al peso. Il prodotto può contenere il doppio dello zucchero, rispetto ai cereali integrali o del "frutto reale" segnalato nella confezione.

Multigrain

A meno che l'etichetta su un prodotto a base di farina non indichi "100% di grano intero", parole come "multicereali", "macinato a pietra", anche "organico", probabilmente significano che il prodotto è fatto da tutto o principalmente raffinato con farine, alle quali è stato rimosso il germe e i nutrienti.

Non contiene…

Oggi il marketing fa leva sull’ assenza di determinati elementi che sono poco sani e che i media hanno dichiarato come tali. Molti prodotti oggi, dichiarano di esser privi di sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, Olio di Palma, grassi idrogenati ecc. Ma sostituire lo zucchero di canna o qualche altro dolcificante calorico ad esempio, non rende il prodotto più sano. Le calorie del dolcificante aggiunto, possono contribuire ai problemi di salute associati a sovrappeso e obesità.

Leggermente zuccherato

"Zucchero ridotto", "senza zucchero aggiunto" e "senza zucchero" hanno definizioni legali, ma "leggermente zuccherato" no. Questa simpatica dicitura, è presente su cereali e bevande in scatola, ognuno dei quali può contenere più zucchero di quanto tu possa considerare se fosse costituito da un dolcificante "leggero".

Organico

D'altra parte, la parola "organico" ha un significato rigoroso e altamente regolato. L' etichetta indica che il cibo ha soddisfatto severi standard di produzione e (se applicabile) di trasformazione. Gli standard vietano l'uso di fertilizzanti e pesticidi sintetici, fanghi di depurazione, irradiazione e ingegneria genetica. 

Scegli cibo reale e non trasformato

Finché segui le buone pratiche di sicurezza alimentare, non sbaglierai con frutta e verdura fresca, uova dal guscio, pollame e carni non trasformati, pesce pescato in natura, cereali integrali e farine integrali e fagioli secchi e lenticchie.

Leggi prima di acquistare / mangiare

Impara a leggere e comprendere le etichette nutrizionali e le etichette degli ingredienti. I regolamenti esistono e specificano cosa deve o non apparire su queste etichette, anche se c'è un enorme margine di miglioramento.

Scegli i prodotti a base di grano promossi come "100% di grano intero"

Parole come "macinato a pietra", "100% di grano", "non sbiancato", "arricchito" e "multigrain" spesso descrivono prodotti realizzati con farine raffinate. Se il primo ingrediente elencato sull'etichetta è il 100% di grano intero, segale, mais, ecc., Questo ti assicura che il prodotto contiene solo cereali integrali.

Cucina da zero e crea con le tue mani

Con un po’ 'di pianificazione extra, preparare i pasti da zero non richiede molto più tempo di quanto si pensi. Pensa in modo semplice: toast integrali, uova e frutta fresca e coloratissime insalate; pesce alla griglia o a vapore, frutta fresca.

Inoltre, anche se stai usando farina bianca e zucchero altamente raffinati, le tue prelibatezze fatte in casa conterranno meno o nessun ingrediente artificiale e sarai in grado di evitare la pletora di ingredienti sintetici, grassi trans e sale / zuccheri / grassi in eccesso, presenti in la maggior parte dei prodotti commerciali per snack e dessert.

Sii un consumatore consapevole


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Runner scivola e precipita nel vuoto: muore 37enne

  • Apre a Oderzo il Würth Store, negozio con oltre 5 mila prodotti professionali

  • Ricerche sui terremoti, trevigiano premiato dall’ETH di Zurigo

Torna su
TrevisoToday è in caricamento