Cibo ammuffito: frutta e verdura come salvarle in sicurezza

La nostra frenetica vita quotidiana, a volte, ci impedisce di gestire correttamente la nostra dispensa. Spesso si sprecano grosse quantità di frutta e verdura, ammuffite per incuranza. Vediamo come individuarla ed evitarla

Le muffe sono un tipo di funghi microscopici, che sono per lo più organismi multicellulari, simili a fili. Prosperano sulla materia vegetale e animale, formando colonie. Quando diventano abbastanza grandi, possono essere visti dall'occhio umano. Le muffe producono spore che possono essere di colore bianco, grigio, nero o verde. Si formano in sacche di spore che si aprono quando sono mature. Queste spore, sono come semi. Aria, acqua e persino insetti, trasportano le spore da un luogo all'altro.

  • I funghi, sono noti nella scomposizione della materia organica.
  • Sulle piante in crescita, attaccano attivamente materiali vivi.

Le muffe tendono a specializzarsi. Ogni specie diventa un esperto nell'infezione di una specifica pianta, cibo o altro materiale organico. Ora, la domanda: è sicuro mangiare cibo dopo aver rimosso lo stampo? La risposta è sì e no, a seconda di quali alimenti stiamo parlando. Per questo, sono necessarie alcune informazioni di base.

Lieviti e muffe sono uguali?

  • Il lievito è un tipo di muffa. Entrambi sono tipi di funghi.
  • Con un potente microscopio, gli scienziati possono distinguere tra lievito e muffa contando le cellule in un organismo.
  • Il lievito ha solo una cellula. Questa cellula "fa tutto": trova nutrienti, si riproduce, ecc.
  • Per gli stampi, un singolo individuo sarà composto da più celle. Ogni tipo di cellula ha una funzione diversa all'interno dell'individuo (cellule riproduttive, cellule digestive, ecc.).
  • I batteri sono completamente diversi, non sono nemmeno un tipo di fungo.

Dove crescono di solito le muffe?

Le muffe, adorano il cibo tanto quanto noi! L' ambiente perfetto per la muffa, è una sostanza organica calda e umida. Questo, è esattamente ciò che fornisce il cibo. La muffa, può crescere su quasi tutti gli alimenti, sia crudi che cotti. Piante e animali, possiedono un sistema immunitario. Il cibo, di solito è privato di questo sistema immunitario, poiché è separato dal resto della pianta o è già stato cotto. Il cibo raccolto e portato all'interno è più vulnerabile alla muffa rispetto agli organismi vivi completi. Quando il cibo è fresco, ha un contenuto d'acqua particolarmente elevato e questo lo rende soggetto a muffe. Il calore, inoltre, è un’aggravante, perché innesca la germinazione e la diffusione delle muffe, da qui l'importanza della refrigerazione.

Quale cibo può essere mangiato dopo aver rimosso l’area ammuffita?

È importante sapere che, se lo strato di muffa è spesso, qualunque sia il cibo, scartarlo è l'unica opzione. Ma quando c'è solo un granello di muffa o uno strato molto sottile, si possono distinguere due gruppi principali di alimenti.

Alimenti sicuri, quando presentano muffe relative: cibi duri come carote crude, zucca e formaggio a pasta dura

Alimenti NON sicuri, quando sono un pò ammuffiti: formaggio a pasta molle, qualsiasi cibo che è stato cucinato e frutta e verdura a pasta molle, come il pomodoro.

Odore e sapore: Il cibo ammuffito, ha un odore e un sapore particolari. Non è così orribile, ma sicuramente non è neanche piacevole. 

Morbido strato di bianco, blu o grigio: La maggior parte delle muffe, sono di colore bianco o grigio. A volte compaiono tonalità più sorprendenti, come il blu o il verde.

Come evitare che appaia la muffa

Con la maggior parte degli alimenti trasformati, per ridurre la crescita di muffe, i conservanti vengono aggiunti agli alimenti. Possono essere semplici, come zucchero, aceto o sale. A volte vengono utilizzati prodotti chimici più elaborati. Vengono anche praticate tecniche di conservazione come sterilizzazionecongelamentoessiccazionefumo o decapaggio. Ognuno di questi metodi, utilizza un modo diverso, per assicurarsi che muffe e altri organismi che rovinano il cibo, non possano crescere. Una corretta manipolazione, è quindi fondamentale per ridurre al minimo le muffe sul cibo.

Il cibo ammuffito può causare problemi di salute

La muffa manda "radici" e "rami", che crescono oltre ciò che è visibile sul cibo. Uno strato di muffa spessa sul cibo, può avere una profondità di radici corrispondente.  Nella maggior parte dei casi, se è presente la muffa, lo sono anche i batteri.

  • I batteri non solo sembrano orribili, ma sono anche più pericolosi per la salute.
  • La muffa visibile, spesso indica che potrebbero essere presenti anche batteri pericolosi e invisibili.

Alcuni di essi, sviluppano e diffondono tossine (in particolare "micotossine”). Questi sono composti chimici che lo stampo usa, per sfondare le cellule vegetali per raggiungere i nutrienti all'interno. Queste tossine, sono il motivo principale per cui le muffe sono pericolose. Inducono problemi di salute come reazioni allergiche e problemi respiratori. Spesso le tossine, sono resistenti al calore, ciò significa che cucinare il cibo ammuffito, ucciderà lo stampo, ma non distruggerà la tossicità.

Muffa in natura

In natura, la muffa è una parte essenziale dell'ecosistema. Nelle foreste, la muffa decompone i rami recisi degli alberi e divengono a loro volta compost naturale, che la terra assorbe, arricchendosi di sostanze nutritive. Nella silvicoltura infatti, muffe e funghi svolgono un ruolo fondamentale a decomposizione delle foglie, perché il terreno siano sano. Una foresta sana, è una foresta con solo pochissime foglie dell'anno precedente. Uno spesso strato di foglie, è un segno che muffe e insetti nel terreno, non stanno degradando abbastanza rapidamente il materiale vegetale morto.

 “La muffa è come un iceberg. Quello che vediamo non è tutto quello che c'è”

ULSS2 - pronto soccorso  

Ospedale Treviso - Piazzale Ospedale, 1, 31100 Treviso

Ospedale Montebelluna - Via Togliatti, 1, 31044 Montebelluna

Ospedale Conegliano - Via Brigata Bisagno, 4, 31015 Conegliano

Ospedale Oderzo - Via Luzzatti, 45, 31046 Oderzo

Ospedale Castelfranco Veneto - Via dei Carpani, 16/Z, 31033 Castelfranco Veneto

Ospedale Vittorio Veneto - Via Carlo Forlanini, 71, 31029 Vittorio Veneto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

Torna su
TrevisoToday è in caricamento