Capelli: quel taglio fai da te dal risultato terribile

Ecco cosa fare per recuperare la tua iniziativa infelice

Essere in quarantena ci ha messo alla prova in tutti i modi, assenza di servizi e impossibilità di accedervi, ha condotti molti ad improvvisarsi nei mestieri. La ricrescita di barba e capelli, ci ha fatto somigliare in crescendo, a selvaggi trascurati, questo ha portato ad improvvisarsi parrucchieri, sicuri delle proprie capacità. Purtroppo, il risultato non è stato quello previsto e la scelta potrebbe non essersi rivelata la migliore.

Ti starai chiedendo cosa fare per limitare il danno.

La prima cosa da fare è perdonarti, del resto un brutto taglio di capelli frutto di scelte errate, ha un valore, un taglio terrificante da quarantena, assume un valore diverso. Non sei un parrucchiere professionista e la probabilità che si ricadesse in errore, non era trascurabile. Cosa fare dunque? È necessario capire come porre rimedio, cercando di migliorarlo.

Un brutto taglio di capelli, può essere recuperato

Un approccio rapido e indolore e fattibile, è quello di usare accessori che distolgano l’attenzione: clipse, elastici colorati, fasce policromatiche, faranno tanto.

La seconda soluzione, è la piega: onde, ricci e perché no, un ritorno agli anni ’80 con un frisé, possono essere molto indulgenti sul taglio nella sua totalità, nascondendo fortemente gli errori grossolani, specie se effettuati su capelli lisci

Se il danno, è circoscritto sulle estremità che risultano irregolari, si consiglia di “ammorbidirle” con un taglio a punta. Se l’area riguarda la frangia, si consiglia di optare per un rasoio, usato torcendo piccole ciocche e fatto scorrere delicatamente sulle estremità.

Sfortunatamente, qualsiasi altro danno oltre alle punte irregolari, dovrebbe davvero essere lasciata fino a quando non puoi tornare nel salone. Il potenziale che si completi l’opera distruttiva, è davvero dietro l’angolo. Dunque, riponi le forbici e fattene una ragione, pensa che oltre la porta di casa, nessuno lo vedrà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, linee guida per la riapertura: «Ristoranti aperti a pranzo e cena»

  • Si sente male durante la riunione: padre di due figli muore a 55 anni

  • Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

  • Vuole uscire dal "nero", ristoratore gli punta addosso una pistola

  • Basta pancia gonfia! Un problema inestetico e di salute: scopri come risolverlo

  • In fumo centinaia di bottiglie di prosecco: a fuoco il camion che le trasportava

Torna su
TrevisoToday è in caricamento