rotate-mobile
Cura della persona

Quante volte lavare i capelli per non rovinarli: i consigli per l'estate

Ecco cosa fare secondo gli esperti

Lavarsi i capelli è un'azione che fa parte della nostra routine e sappiamo che è fondamentale per mantenerli sani, puliti e belli da vedere. Tuttavia, un gesto così semplice è diventato oggetto di dibattito tra gli esperti in materia.

Quando e quanto lavare i capelli, sono molte le scuole di pensiero: c’è chi sostiene che non bisogna farlo frequentemente e chi, invece, crede che i lavaggi quotidiani non abbiano controindicazioni; c’è chi afferma che basta una volta ogni due settimane, e che ciò possa aiutare ad avere una chioma più folta e sana, mentre altri rispondono che questo tipo di routine potrebbe danneggiare il cuoio capelluto

Per fare chiarezza, i Master Barber danno consigli sul lavaggio e sugli errori da non fare.

Quando lavarsi i capelli?

Le regole per il lavaggio dei capelli non sono universali, soprattutto in termini di frequenza, e la routine può variare a seconda di fattori genetici, ambientali e psicologici. In alcune persone, infatti, la produzione di sebo è maggiore e questo richiede lavaggi più frequenti; lo stesso vale per chi vive e lavora in città, dove i capelli sono più esposti allo smog. A questi fattori si aggiunge lo stress, che può alterare la composizione del film idrolipidico del cuoio capelluto e, in alcuni casi, portare non solo a una maggiore produzione di sebo, ma anche alla comparsa della forfora. Non esiste quindi una risposta valida per tutti, anche se, indicativamente, l’ideale è lavarli circa ogni due giorni.

CAPELLI & ESTATE

  •  Mangia cibi ricchi di vitamine A, E  e B5 contenuti in frutta e verdure come albicocche e broccoli. Fai il pieno di omega 3 con pesce azzurro e noci per dare forza ai capelli. In estate puoi dissetarti anche con il tè verde, che con le sue proprietà antiossidanti aiuta a prevenire l'invecchiamento anche capillare.  
  • Proteggi i capelli dagli effetti negativi dei raggi solari, dal cloro e dalla salsedine. Più sensibili e fragili dei capelli naturali, quelli colorati e trattati sono più esposti alle aggressioni esterne, in particolar modo d’estate, e necessitano di cure e attenzioni particolari, quindi creme e spray protettivi per capelli a volontà. 
  • Rinforza i capelli con un integratore. Zinco e vitamina B per rinforzarli. Lievito di birra, silicea e equiseto per nutrire i capelli sfibrati. Miglio e ferro per prevenirne la caduta.  5
  • Asciugali in modo naturale. Il calore, si sa, stressa la struttura del capello. Dunque, via libera all'asciugatura all'aria oppure, se hai i capelli ricci, prova con il plopping (metodo di asciugatura, che prevede di lasciare i capelli avvolti in un asciugamano per qualche ora). D'estate poi, che la frequenza dei lavaggi diventa giornaliera, riduci il più possibile l'uso del phon e piastr… puoi tenere a bada la chioma utilizzando spray e schiume contro il crespo!
  • È importante lavare i capelli con prodotti delicati, apposta per lavaggi frequenti, con ph neutro senza scordare di applicare sempre una buona dose di balsamo, soprattutto sulle punte.   
  • Usa spazzole con setole naturali e pettine a denti larghi. Non spazzolarli in modo vigoroso quando sono bagnati perché sono più vulnerabili e possono spezzarsi. Meglio usare il pettine. 
  • Evita gli elastici che comprimono e stressano il capello. Punta sui fermagli, che scelti in base al look possono arricchire il tuo outfit e non stringano i capelli.   
  • In spiaggia ma anche in città, se il caldo è eccessivo non desideri far altro che raccoglierli. Fai pettinature semplici e morbide, come una treccia o uno chignon basso e lento con le ciocche un po' "ribelli". E' l'ideale per restare fresca sia al mare sia in ufficio ed apparire curata.   
  • Nutrili con la maschera. Una volta a settimana fai un impacco o una maschera specifica per nutrire i capelli. Se si inaridiscono con il sole e la salsedine fai una maschera a base di olio di cocco e olio di argan, entrambi nutrienti e lucidanti, da tenere in posa 20 minuti e risciacquare.   
  • Rinforza i capelli aggiungendo a uno shampoo non aggressivo poche gocce di olio essenziale di rosmarino. O olio essenziale di Geranio per capelli secchi, crespi e con doppie punte. Ne bastano 5 gocce su 100 ml di shampoo.
  • La perdita dei capelli non porta sempre a calvizie definitiva o a diradamento, l’importante è che sia presente un equilibrio fra capelli nuovi e in caduta. In caso contrario, il consiglio è quello di scegliere con attenzione lo shampoo, da accompagnare all’uso di impacchi rinforzanti a base, per esempio, di olio di cocco, un ingrediente ricco di antiossidanti e vitamine (soprattutto la E) e con proprietà emollienti e nutritive.

Il decalogo

  • Massaggiare
  • Non lavare troppo frequentemente o di rado
  • Non utilizzare un’eccessiva quantità di shampoo
  • Utilizzare lo shampoo adatto al cuoio capelluto
  • Utilizzare maschere, balsamo sulle punte
  • Risciacquare bene
  • Lavaggio in due passate 
  • Proteggere i capelli dal sole
  • Dieta sana ed equilibrata
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quante volte lavare i capelli per non rovinarli: i consigli per l'estate

TrevisoToday è in caricamento