Depressione postpartum: i sintomi che non dovresti ignorare

Avere un bambino può essere uno dei momenti più felici della vita di una donna ma, spesso ciò non accade e molte donne sperimentano una forma di depressione: lo stress postpartum

L’esperienza di diventare mamma, genera un picco di emozioni difficili da spiegare, in genere tutti estremamente positivi, gioiosi e felici.  Esiste purtroppo una fetta di neo mamme, che vivono questa esperienza, appena dopo il parto e che matura raggiungendo livelli ingestibili e a volte pericolosi, diametralmente opposti che, se non colti e curati, possono scadere nell’essere drammatici, per sé e per il bambino.

Queste donne sperimentano una forma di depressione - nota come depressione postpartum.

Circa il 13% delle madri, soffre di depressione postpartum che spesso non viene diagnosticato, perché le neomamme hanno paura di parlare dei propri sentimenti, a volte considerandosi anche cattive madri, incapaci di far fronte a quello che dovrebbe essere un lieto evento. La depressione postpartum non è, tuttavia, un riflesso della capacità di una madre di prendersi cura o amare il proprio bambino. In effetti, può essere una risposta ai rapidi cambiamenti ormonali che si verificano dopo il parto e il trattamento può aiutare. Di seguito sono riportati alcuni sintomi sorprendenti della depressione postpartum, che le nuove madri non dovrebbero ignorare.

Sei triste e piangi frequentemente

Questo può essere uno dei sintomi più evidenti della depressione postpartum. Da quando hai avuto il tuo bambino sembra che le lacrime sgorghino in continuazione, anche per le cose di poco conto.

La tristezza e il pianto, possono essere attribuiti ai cambiamenti ormonali che stai vivendo come nuova madre, ma possono anche essere un sottoprodotto della mancanza di sonno e della pura stanchezza. Tuttavia, se ti sembra di essere triste più del dovuto (d’altronde sei appena diventata mamma e dovresti essere sorridente per la maggior parte del tuo tempo), potrebbe essere un segnale e confrontarsi con qualcuno, in primis il proprio compagno, è la cosa migliore.

Ti senti ansiosa

Provare un senso di preoccupazione è normale come nuovo genitore, molte donne che soffrono di depressione postpartum, presentano un misto di ansia e depressione. Questo a volte può essere difficile da distinguere dai normali livelli di preoccupazione e ansia che accompagnano una nuova mamma, e quindi il rischio è trascurarli. Mentre preoccuparsi di nuovi suoni, tendenze e reazioni che il tuo bambino produce è abbastanza normale, preoccuparsi costantemente di cose che non puoi controllare, o che sembrano illogiche o impossibili per altre persone, potrebbe essere un segnale d’allarme. Se ritieni che la tua ansia sia al di sopra e al di là di ciò che pensi di dover provare o se la tua preoccupazione sembra costante, parla con il tuo medico.

Sei arrabbiata

Tutto sembra farti arrabbiare ultimamente. La tua famiglia e i tuoi amici ti stanno improvvisamente irritando. Hai voglia di buttare cose e urlare, ma non sai perché ti senti così arrabbiato tutto il tempo. Anche questo può essere un sintomo della depressione postpartum. In alcune forme di depressione, inclusa la depressione postpartum, improvvisi attacchi di rabbia, possono produrre battiti cardiaci, sudorazione e senso di oppressione al petto. Indipendentemente da ciò, se ti senti più frustrato e arrabbiato del solito ora che hai avuto un bambino, la depressione postpartum potrebbe essere la causa alla base.

Hai pensieri spaventosi e invadenti

Se hai mai pensato di far del male al tuo bambino quando piange e te ne sei resa conto, sicuramente hai provato un senso di spavento di te stessa. Puoi anche aver sentito il desiderio di lasciare tutta la tua famiglia e abbandonarli, proprio da quando hai avuto il bambino. Questi pensieri vengono definiti pensieri intrusivi, perché indesiderati e in conflitto con il modo in cui una persona si sente o si comporta normalmente. Questo può essere allarmante e non è raro tra le donne che soffrono di depressione postpartum.

In uno studio, realizzato su di un gruppo di donne che sono state esposte al pianto del bambino per dieci minuti, il 23,5% di tutte le donne ha dichiarato di avere pensieri indesiderati di danno attivo (ad esempio, lanciare, urlare, scuotere il bambino). Le donne nel gruppo "pianto" avevano maggiori probabilità di avere questi pensieri rispetto alle donne nel gruppo "convivente". I pensieri intrusivi, sebbene associati ad alcune malattie mentali, non sono così rari in generale. Uno studio che ha esaminato persone in sei continenti ha scoperto che circa il 94% delle persone, ha riportato almeno un pensiero invadente in un periodo di tre mesi. Mentre quasi tutti hanno pensieri intrusivi occasionali e avere i pensieri non significa che tu voglia davvero agire su di essi, un incremento di questi pensieri, può segnalare sintomi di depressione postpartum.

Ti senti insensibile e non provi nulla

Forse non stai piangendo, urlando o avendo pensieri invadenti, sei invece apatica e abulica, non senti fondamentalmente più nulla, come se non avessi più sentimenti ed emozioni. Potresti sentirti vuota, proprio da quando hai avuto il, bambino, avuto il tuo bambino. Potresti sentirti solo anche quando sei circondato da persone. I sentimenti di vuoto e l'incapacità di trovare gioia o piacere in qualsiasi cosa, sono sintomi di depressione, inclusa la depressione postpartum.

Questa mancanza di sentimento, può essere particolarmente allarmante per le neomamme che non si sentono legate ai propri figli. Allo stesso tempo potresti sentirti senza speranza, come qualsiasi cosa tu faccia, non ti sentirai mai legato a tuo figlio o in grado di essere una buona madre. Questa sensazione di intorpidimento o di non essere in grado di legare, è un fattore importante nella diagnosi della depressione postpartum.

Sei annebbiata e dimentichi le cose

Durante la gravidanza, potresti aver sperimentato ciò che è colloquialmente noto come "cervello in gravidanza" in cui dimenticavi e perdevi facilmente le cose. Il problema è che ora che hai avuto il bambino, sembra essere peggiorato. Cammini come se fossi nella nebbia e il tuo cervello non sembra funzionare correttamente. La memoria è compromessa e questo può essere molto pericoloso se ad esempio, sei a scaldare il latte sul fornello e dimentichi totalmente di averlo fatto, magari prendendo sonno e con il bambino lasciato senza sicurezza alcuna.

Non dormi più o dormi eccessivamente

Sia l'incapacità di dormire che di dormire troppo possono essere sintomi di depressione. Mentre all'inizio può essere difficile distinguere se i tuoi schemi di sonno sono normali o meno, specialmente se questo è il tuo primo figlio, vale la pena discutere con il medico.

Non stai mangiando abbastanza o mangi tutto il tempo

Come il sonno, i disturbi alimentari legati alla depressione possono presentarsi in forme opposte. Alcune donne con depressione postpartum non mangiano abbastanza, imputandolo alla mancanza di tempo, impiegato esclusivamente dal bambino. Altri si ritrovano a mangiare tutto il tempo e possono attribuirlo alla necessità di più calorie per produrre latte materno. Entrambe sono possibili circostanze normali, diversamente, una significativa perdita di peso o aumento di peso dopo il parto, può essere un segno che ciò che stai vivendo, non rientra in circostanze normali. Se non hai affatto appetito nella maggior parte dei giorni o senti che potresti usare il cibo come fonte di conforto, è tempo di parlare con un professionista.

Non ti senti bene fisicamente

C'è sicuramente un periodo di recupero fisico dopo il parto, ma se sono trascorsi un paio di mesi e si verificano continui o nuovi sintomi fisici, potrebbero essere correlati alla depressione. Alcune donne soffrono di mal di testa, mal di schiena, mal di stomaco e nausea, quando hanno a che fare con la depressione postpartum. Sebbene non tutti i dolori significhino che qualcosa non va, se ti senti sempre dolorante o hai mal di stomaco, vale la pena parlare con il tuo medico.

Come puoi aiutare te stessa

Da soli, questi sintomi non sono motivo di preoccupazione, ma quando vengono combinati e si verificano per un lungo periodo di tempo, potresti trarre beneficio parlandone. Alcune donne traggono anche beneficio dall'assunzione di farmaci per aiutare ad affrontare i loro sintomi. Molte donne affrontano la depressione postpartum e cercano aiuto e questo non significa che tu sia meno una grande madre di qualsiasi altra mamma. Quando ti prendi cura di te stesso, sei più in grado di aiutarti a prenderti cura delle persone che ami, in particolare del tuo bambino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • I 6 piatti trevigiani che non possono mancare sulle tavole d'autunno

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

  • Focolaio Covid a La Madonnina di Treviso: trovate 9 persone positive

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento