Infoltire e allungare le ciglia: i trattamenti estetici quali sono, fanno male?

Dalla laminazione alle extension, per avere uno sguardo magnetico ci sono vari modi, ecco i consigli del dermatologo

Le ciglia lunghe, folte, rendono agli occhi ammalianti, donano espressività al viso, delineare il contorno degli occhi, donano uno sguardo più profondo e seducente. Le ciglia sono un elemento fondamentale del viso, capace di caratterizzarne l’espressione e l’estetica. Che siano folte, lunghe, curvate, lisce, pigmentate, ogni persona ha la sua tipologia di ciglia, e siamo spesso alla ricerca di prodotti e trattamenti di bellezza capaci di valorizzarle e prendersene cura. 

La moderna cosmetologia, infatti, si è sempre più concentrata nel tempo sui quei prodotti e trattamenti per la cura delle ciglia, realizzati con sostanze adatte alla zona, sicure nell’uso ed efficaci nel migliorare specificatamente le condizioni del fusto delle ciglia

Tuttavia, questi prodotti non sono adatti a tutti, e possono anche dare reazioni indesiderate. Il Prof. Leonardo Celleno, dermatologo e presidente AIDECO (Associazione Italiana Dermatologia e Cosmetologia), ci spiega quali sono i trattamenti più sicuri e quali sono i possibili effetti collaterali dei trattamenti di ultima generazione, come la laminazione e le extension ciglia.

Laminazione ed extension, li possono fare tutti?

“Questi trattamenti estetici non possono essere consigliati a tutti: dovrebbero essere evitati in caso di pelle sensibile, fragile, con allergie e/o con dermatiti ricorrenti, in gravidanza e durante l’allattamento. Inoltre, a causa delle sostanze utilizzate per entrambe le pratiche, va posta molta cura ed attenzione nella procedura di applicazione di questo tipo di trattamenti. In particolare è opportuno rivolgersi a professionisti qualificati, che possano dimostrare di aver maturato una formazione ad hoc, di aver ottenuto attestati e di operare in ambienti adeguati e conformi alle normative vigenti” afferma il presidente di AIDECO.

Gli “effetti indesiderabili” a livello dermatologico

“Considerate le tipologie di prodotti utilizzati e la fragilità dell’area di destinazione, possono presentarsi alcuni “effetti indesiderabili” in concomitanza del trattamento, quali prurito, bruciore, rossore e, in generale nei soggetti predisposti, purtroppo, reazioni irritative o allergiche” – spiega il Prof. Celleno e prosegue – “Per questo è meglio fare un incontro preliminare con l’estetista e possibilmente effettuare un “test predittivo”, almeno 48 ora prima del trattamento estetico. Questi prodotti andranno posizionati ad almeno 1 mm dalla palpebra, e sia nell'applicazione che nella rimozione non devono toccare o entrare nell’occhio o nella mucosa oculare, utilizzando gli appositi device di protezione. Pertanto è fondamentale per la sicurezza che gli occhi siano sempre ben chiusi”.

 La cura delle extension ciglia 

“Anche se è opinione comune il fatto che non pulendo le extension ciliari queste durino di più, in realtà non è così: un’accurata e specifica detersione, sia della zona perioculare che delle stesse extension, consente a tutta l’area di mantenere un miglior stato di benessere, e di evitare ulteriori alterazioni e/o patologie, come ad esempio l’annidamento di batteri/parassiti. Dunque detersione e trattamento, costante e dedicato, anche per extension ciliari” espone Leonardo Celleno.

L’uso della mascherina

“Immediatamente dopo aver eseguito trattamenti di laminazione e/o extension ciglia, è bene attendere prima di indossare nuovamente qualunque device di protezione che potrebbe appoggiarsi per errore sulla zona di applicazione. Nei giorni successivi, per evitare inutili ed eventuali contatti con corpi estranei, potrebbe essere utile indossare occhiali di protezione della zona perioculare. Successivamente, di certo non sussistono controindicazioni specifiche per l’uso della mascherina di protezione, peraltro più che necessaria in questo così particolare periodo storico” conclude il presidente AIDECO.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carico di impalcature gli crolla addosso, operaio muore schiacciato

  • Auto si schianta fuori strada e si incendia, muore ragazza 19enne

  • Allevamento di maiali vicino al ristorante: «Aria irrespirabile, pioggia di disdette»

  • Neonata muore dopo 17 giorni dalla nascita, genitori sotto choc

  • Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

  • Vax point di Lughignano: infermiera fa la puntura senza iniettare il vaccino

Torna su
TrevisoToday è in caricamento