Il gatto e il disturbo gastrointestinale: quando è grave e come posso fermarlo

Se noti che il tuo gatto ha la diarrea, quale potrebbe essere la causa? Quando dovresti preoccuparti e consultare il tuo veterinario? E soprattutto, cosa puoi fare per il tuo piccolo amico?

Uno dei problemi più comuni che i nostri piccoli amici felini vivono e a cui noi dobbiamo far fronte, è il disturbo gastrointestinale. A seconda dello stile di vita del tuo gatto, potresti o meno essere immediatamente consapevole dei dettagli delle sue abitudini. Inoltre, i gatti sono molto esigenti nella toelettatura, quindi potrebbero mancare i segni rivelatori di diarrea, specialmente nelle prime fasi. Per questo motivo, le visite veterinarie di routine sono importanti.  

Quali sono le cause della diarrea del gatto?
 

Parassiti – I parassiti, possono sicuramente irritare il tratto gastrointestinale del tuo gatto, causando tutti i tipi di diarrea che coinvolgono le viscere piccole e / o grandi. Un numero significativo di parassiti che causano la diarrea, è più comune nei gattini più giovani.

Infezioni – quelle virali o batteriche infettive, possono causare diarrea e si verificano più frequentemente, nei gatti più giovani.

Indiscrezione dietetica o cambiamento di dieta - I gatti, tendono ad essere più attenti a ciò che mangiano rispetto ai cani, ma a volte mangiano cose inappropriate come erba, spago, ecc. Anche un cambiamento intenzionale nella dieta o la variazione da un cibo all'altro, può causare il disturbo.

Stress - Proprio come con le persone, lo stress / l'ansia / l'eccitazione, possono causare disturbi gastrointestinali (in particolare irritazione intestinale inferiore o colite).

Disturbi infiammatori primari - Come la malattia infiammatoria intestinale nelle persone, i disturbi infiammatori, possono causare la diarrea al gatto.

Malattie metaboliche: dai disturbi del pancreas o del fegato, agli squilibri della tiroide, ci sono molti altri problemi che turbano la motilità o l'ambiente nel tratto gastrointestinale, con conseguente diarrea

Farmaci / tossine: alcuni antibiotici, possono alterare il tratto gastrointestinale, così come altri farmaci e alcune tossine.

Come puoi aiutare il tuo gatto?

Ci sono così tante potenziali cause di diarrea nei gatti, che monitorare in tantem al veterinario questo disturbo, è essenziale. Ovviamente, alcune di queste cause richiedono una terapia specifica, ma altre possono risolversi da sole, con cure semplici e di supporto. 

Cosa potrebbe consigliarti il ??veterinario, da fare a casa?

  • Nutrire o non nutrire? L a vecchia scuola veterinaria ha sempre pensato che i disturbi gastrointestinali, richiedessero per guarire, di un breve periodo di digiuno per "riposare" le viscere. Questo è vero per il vomito, ma oggi si considera vitale che l'intestino del tuo gatto, si nutra per guarire sé stesso. Quindi il digiuno, non è raccomandato.
  • Come nutrire? Aumentare l'assunzione di fibre, è un'opzione valida perché considerata un ottimo "equalizzatore" (buono per costipazione ma anche buono per la diarrea). Tuttavia, procedere con la somministrazione di pasti più piccoli e frequenti (4 al giorno), di qualcosa di facilmente digeribile, è l’iter giusto. Ciò significa una dieta povera di grassi, principalmente carboidrati come patate, pasta o riso (con un po' di pollo), tacchino, ricotta a basso contenuto di grassi o yogurt. 

Quando è il momento di preoccuparsi?
 

Prima di tutto, conosci meglio il tuo gatto. Se sei preoccupato, non esitare a contattare il tuo veterinario. Ricorda che il tuo veterinario è lì per consigliarti. Ma tieni presente che ci sono alcuni aspetti della diarrea, che sono più allarmanti e da conseguenze preoccupanti.

Un modo per classificare la diarrea, è la diarrea dell'intestino tenue o dell'intestino crasso.

  • Con la diarrea dell'intestino tenue, è più probabile vedere grandi volumi o diarrea acquosa che può portare rapidamente a una significativa disidratazione e uno squilibrio elettrolitico.
  • D'altra parte, la diarrea dell'intestino crasso, coinvolge l'intestino inferiore o il colon in modo da vedere più tipicamente un gatto sforzato e scomodo, ma che passa solo piccole quantità di feci molli / mucoidi / talvolta sanguinolente.

In generale, se il tuo gatto ha un effetto di chiaro disturbo, ma è ancora felice, giocoso e mangia normalmente, probabilmente puoi tranquillamente aspettare, prima di fare qualsiasi passo importante. Alcune delle bandiere rosse che dovrebbero renderti più preoccupato, sono:

  • Perdita di appetito
  • Letargia / depressione
  • Il dolore / disagio
  • Sangue nelle feci (feci scure, nerastre o visibili, rosse)
  • Vomito associato

In questi casi, è necessario consultare il proprio veterinario. Anche se la causa ultima della diarrea non è nulla di grave, ottenere quella diagnosi e iniziare la terapia, sono passaggi importanti. Se la diarrea sembra essere protagonista, una somministrazione supplementare di liquidi ed elettroliti e probabilmente altri farmaci antidiarroici, daranno beneficio al gatto. Con la diarrea dell'intestino crasso, il tuo gatto potrebbe essere estremamente a disagio e il continuo sforzo, non farà che peggiorare l'irritazione. In tal caso, il veterinario può somministrare farmaci per alleviare il disagio e far sentire meglio il tuo gatto, più rapidamente.

Ora che hai acquisito consapevolezza, sarai in grado di fronteggiare il suo malessere, con rapidità e scioltezza.

Veterinari in zona:

Ambulatorio Veterinario Saint Joseph - Treviso - Via Albertino da Corona, 1 F, 31100 Treviso TV

Ambulatorio Veterinario Piave - Via Piave, 73, 31100 Treviso TV

Ambulatorio Veterinario S. Liberale -  Via Monfalcone, 10, 31100 Treviso TV

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, linee guida per la riapertura: «Ristoranti aperti a pranzo e cena»

  • Si sente male durante la riunione: padre di due figli muore a 55 anni

  • Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

  • Basta pancia gonfia! Un problema inestetico e di salute: scopri come risolverlo

  • Folla alla manifestazione "per la libertà": mille in piazza con Szumski e Lamendola

  • Anticorpi monoclonali: «In Veneto si potranno curare i pazienti dai 50 anni in su»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento