Il limbo della pandemia

Cosa ci riserva il futuro e quando usciremo da questa situazione?

Ci si chiede tutti, quando saremo liberi, quando torneremo alla normalità e alle nostre libertà. Viviamo giorno per giorno, nel vortice della pandemia, in un limbo in cui regna l’incertezza e privi di sicurezza e informazioni.

Le preoccupazioni, iniziano quando contempliamo momenti nel nostro futuro immediato: tornare al lavoro o a scuola o poter visitare nuovamente amici e parenti. Poi ci sono i piani a lungo termine e non possiamo fare programmi.

Quando possiamo aspettarci una normalità? La risposta breve e frustrante, è che non lo sappiamo. Attualmente, le linee guida per la pratica del distanziamento sociale, si estendono fino al 30 aprile, ma non è affidabile e questa ambiguità e incertezza, conduce ad uno stato perenne di preoccupazione, per non parlare della possibile evoluzione in ansia e panico.

Bisogna necessariamente sfoderare e applicare azioni, che tengano sotto controllo queste paure. Ecco alcuni dei suggerimenti che mostrano come conciliare la pianificazione per il futuro, con l'incertezza costante.

Parola d’ordine adattamento, È necessario sentirsi padroni delle scelte, perché le pianificazioni fatte in precedenza, si sono frantumante. Lasciamole alle spalle e liberiamoci da cicli di pensiero ripetitivi. Cercare di prevedere cosa potrebbe accadere durante questa pandemia, non porta a nulla ma sola a rimanere incuneati in un circolo vizioso. Se la mente è dominata da scenari ipotetici, alcuni dei quali spaventosi, tutto il tempo, la preoccupazione può facilmente trasformarsi in panico.

Qui e ora

Se stai iniziando a diventare ansioso per il futuro, rallenta e concentrati sul presente. Ricordati di iniziare oggi. Disegna un programma libero per la tua giornata o anche solo quello che vuoi fare per le prossime ore. Prendere alcune decisioni sui tuoi bisogni immediati, è un passo verso il controllo della tua situazione.  Se fare un piano per l'intera giornata sembra travolgente e in questi giorni, non c'è vergogna nell'ammetterlo, indirizzare il focus verso qualcosa che si ritiene essere essenziale ai tuoi bisogni di base, concentrati sulla realizzazione.  

Piccolo sguardo al futuro

Se ti senti sicuro del tuo piano giornaliero, potresti essere in grado di ampliare le tue prospettive e capire se hai abbastanza informazioni, per prendere alcune decisioni future. Cerca qualcosa tra un giorno o due, come programmare una telefonata con un amico o altre attività da svolgere indoor.

Non aspettarti di guardare troppo lontano nel futuro. Probabilmente scoprirai abbastanza rapidamente che, è quasi impossibile pianificare il prossimo mese, perché tutto è mutevole. Le cose cambieranno, per ora svolgi piccoli passi, giorno dopo giorno.

Se inizia il panico, poniti due domande:

Ho informazioni sufficienti per prendere una decisione in questo momento?

Preoccuparmi mi aiuta a prendere decisioni o mi sta solo rendendo più ansioso?

Se non hai abbastanza informazioni per prendere una decisione, ricorda che ciò che sappiamo in questo momento, potrebbe non essere vero domani. Potresti essere in grado di pianificare in anticipo in un altro momento. Se ti senti in ansia per un futuro incerto, prenditi un minuto per respirare.

Quando tutto il resto fallisce, mantieni i tuoi piani semplici, che si tratti di pensare al giorno successivo, all'ora o persino al minuto, a volte basta alzarsi e andare avanti, è tutto ciò che possiamo fare.

.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento