rotate-mobile
Salute

Vitamina D: assumerla attraverso il cibo

Mesi al buio e al chiuso, ci ha privati della preziosa Vitamina D. Come integrarla e come sapere sene siamo carenti

Le restrizioni sociali, l’ordine di doversi chiudere in casa, ci ha indeboliti anche dal punto di vista vitaminico, impattando negativamente sul nostro sistema immunitario e sullo stato di salute generale.

Il sole, è un elemento prezioso che la natura ci ha regalato: potente inibitore di malattie e generatore di potenza del nostro sistema immunitario.

Vivere come nelle caverne, lontani dalla luce solare, ha promosso fortemente la carenza di un’importante Vitamina, dalla quale non si può prescindere: la Vitamina D.

I nostri pasti a casa, possono essere sani ed equilibrati, ma come essere sicuri di crearli prevedendone l’inserzione di utili minerali e vitamine e soprattutto in tal caso, quella preziosa di cui siamo stati decurtati?

Di recente, si è discusso se i livelli di vitamina D nel corpo abbiano o meno a che fare con la capacità di combattere meglio COVID-19. Sebbene la ricerca sia stata inconcludente, molti si chiedono se debbano concentrarsi sull'assunzione di vitamina D, anche perché indubbiamente se ne è divenuti carenti a causa della quarantena.

Indipendentemente dal COVID-19, avere quantità adeguate di vitamina D nel corpo, è importante per la salute e l'immunità nel complesso, motivo per cui dovrebbe sempre essere al centro del piano di salute totale.

Esistono i recettori della vitamina D sui globuli bianchi, quindi è plausibile che livelli più alti di vitamina D possano ottimizzare la risposta immunitaria del corpo a COVID-19. Quindi, ha più senso pensare a come ottimizzare i livelli di vitamina D, non tanto incentivato dallo studio, ma a carattere generale.

I segni evidenti di carenza da Vitamina D

Senso di malessere costante e generalizzato

Sensazione di affaticamento o stanchezza frequente

Dolore alle ossa e alla schiena

Perdita di capelli

DolorI muscolarI

Alimenti che apportano Vitamina D

Se pensi di essere carente di vitamina D, avvalersi di un supporto medico, è la strada giusta, anche perché lo stesso proporrà di eseguire degli esami e indagini che testino adeguatamente lo stato in tal senso. Al contempo, apportare modifiche alla dieta alimentare che aumentino l’assunzione di Vitamina D, è la soluzione immediata e certa che puoi adottare.

Ecco alcuni alimenti con vitamina D.

Salmone

Sgombro 

Tonno

Alimenti fortificati, come i cereali

Latte

Succo d'arancia

Tuorli d'uovo

Funghi

Sardine

L’ assunzione di Vitamina D, da integrare a pieno titolo nella tua routine giornaliera, è solo un pezzo del puzzle, non è una cura, ma aiuta al mantenimento della salute generale.

Attuare cambiamenti positivi nello stile di vita e seguire una dieta equilibrata, è sempre un’ottima idea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vitamina D: assumerla attraverso il cibo

TrevisoToday è in caricamento