La colonscopia: cos'è e quando effettuarla

Spesso l’attenzione e le preoccupazioni che emergono da determinati sintomi ed evidente fisiche, fanno subito temere il peggio. Si pensa immediatamente ad un cancro al colon retto. Rivolgersi in primis al proprio medico di famiglia, è il primo passo per approcciare il disagio e inevitabilmente essere rassicurati o indirizzati verso uno specialista (gastroenterologo o chirurgo del colon-retto), per approfondimenti, ad esclusione ed evasione di ogni sorta di dubbio. Vediamo cos'è la colonscopia e cosa comporta

Una colonscopia, è un esame utilizzato per rilevare cambiamenti o anomalie nell'intestino crasso (colon) e nel retto. Durante una colonscopia, un lungo tubo flessibile (colonscopio), viene inserito nel retto. Una minuscola videocamera sulla punta del tubo, consente al medico di visualizzare l'interno dell'intero colon. Se necessario, i polipi o altri tipi di tessuto anormalo possono essere rimossi durante la colonscopia. I campioni di tessuto (biopsie), possono essere prelevati anche durante l’indagine endoscopica.

Perché è fatta

Il medico può raccomandare una colonscopia per:

  • Indagare su segni e sintomi intestinali. Una colonscopia può aiutare il medico a esplorare possibili cause di dolore addominale, sanguinamento rettale, costipazione cronica, diarrea cronica e altri problemi intestinali.
  • Schermo per il cancro del colon. Se hai 50 anni o più e hai un rischio medio di cancro al colon - non hai fattori di rischio per il cancro del colon diversi dall'età - il tuo medico può raccomandare una colonscopia ogni 10 anni o a volte prima di effettuare uno screening per il cancro del colon. La colonscopia è un'opzione per lo screening del cancro del colon. Parla con il tuo medico delle tue opzioni.
  • Cercare altri polipi. Se in precedenza hai avuto polipi, il medico può raccomandare una colonscopia di follow-up, per cercare e rimuovere eventuali polipi aggiuntivi. Questo viene fatto per ridurre il rischio di cancro al colon.

Che cos'è una colonscopia?

Una colonscopia, può essere utilizzata sia come test di screening (nel senso che viene eseguito in pazienti sani e asintomatici,) sia come test per valutare una diagnosi specifica. Durante una colonscopia, un medico utilizzerà un cannocchiale per esaminare all'interno del retto e del colon i tessuti irritati e gonfi, le ulcere, i polipi e il cancro. La colonscopia, consente ai medici di valutare o diagnosticare disturbi gastrointestinali, come la diverticolosi e la malattia infiammatoria intestinale, e di fornire cure per determinate condizioni in un esame.

A che età dovresti fare la tua prima colonscopia?

La maggior parte delle persone, può fare la prima colonscopia all'età di 50 anni. Tuttavia, se ha una storia personale o familiare di cancro del colon-retto, una storia personale di malattia infiammatoria intestinale, alcune malattie ereditarie o una storia personale di esposizione alle radiazioni, il medico può raccomandare l’indagine attorno i 40 anni. A seconda dei risultati, questo test può quindi essere eseguito ogni cinque o 10 anni per lo screening del cancro del colon e del retto. Lo screening, è raccomandato fino all’età di 76 anni e diventa un’opzione da allora fino all’età di 85 anni.

Cosa controlla il medico durante l’esame? 

Durante una colonscopia, il medico controllerà l’intero colon e il retto alla ricerca di tessuto infiammato, escrescenze anormali come polipi, ulcere e primi segni di cancro. Se hai sintomi come sanguinamento dall’ano, cambiamenti nell’attività intestinale come diarrea, dolore all’addome o perdita di peso inspiegabile, una colonscopia può aiutare il medico a trovare la causa.

Come ti prepari per la procedura?

Nei giorni che precedono una colonscopia, il medico ti invierà istruzioni scritte per preparare l'intestino e assicurerà che al momento della procedura, rimanga poco scaro nell'intestino, il che renderà più facile vedere le tue pareti intestinali con maggior chiarezza. Il kit di preparazione intestinale, varia a seconda delle esigenze del paziente e del medico, ma in genere contengono vari lassativi sotto forma di pillole, polveri dissolvibili o liquidi trasparenti. Uno dei metodi più comuni, per eliminare scarti dal colon, consiste nel bere una soluzione di polietilenglicole, che causerà un'estrema diarrea la sera prima della procedura e cinque ore prima di entrare per il test. Il medico, può anche prescrivere una pillola lassativa, da assumere prima di andare a letto, oltre alla soluzione di glicole polietilenico. Per uno o tre giorni prima di una colonscopia, ti potrebbe essere chiesto di seguire una dieta liquida ed evitare bevande di colore rosso e viola. Brodo, brodo, gelatina di limone, lime o arancia, caffè o tè normale, bevande sportive, succo di frutta filtrato come la mela o l'uva bianca e l'acqua probabilmente, compenseranno la dieta durante il periodo di preparazione.

Cosa dovresti aspettarti quando fai una colonscopia? 

La procedura di 30-60 minuti, si svolgerà in un ospedale o in una struttura ambulatoriale e probabilmente includerà “sedazione endovenosa” o “sedazione crepuscolare”, che ti renderà molto sedato ma capace di respirare da solo. Una volta sedato e sdraiato su un fianco, il medico inserirà una sonda dotata di una minuscola fotocamera attraverso l'ano e nel retto. Verrà iniettata dell’aria, che gonfierà il tuo intestino, permettendo al medico di vedere chiaramente l’interno su un monitor. Una volta che l'oscilloscopio raggiunge l'intestino tenue, il medico lo ritirerà lentamente e riesaminerà l'intestino crasso.

Test diagnostici meno comunemente usati 

Colonscopia virtuale

Questa procedura utilizza uno scanner MRI o CT, per creare immagini del colon e del retto e visualizzarle su uno schermo. A volte è noto come colonscopia TC. Una colonscopia virtuale, non viene spesso utilizzata perché non è accurata come una colonscopia e comporta l'esposizione alle radiazioni. Il medico potrebbe non essere in grado di vedere piccole anomalie e non può prelevare campioni di tessuto. Una colonscopia virtual,e viene eseguita solo in rari casi in cui una colonscopia non è possibile. 

Sigmoidoscopia flessibile

Questo test, consente al medico di vedere solo il retto e la parte inferiore del colon (colon sigmoideo). Per avere una sigmoidoscopia flessibile, dovrai avere un intestino vuoto. Potrebbe esserti somministrato un anestetico leggero prima del test. Ti sdraerai su un fianco, mentre un sottile tubo flessibile chiamato sigmoidoscopio viene inserito delicatamente nell'ano e guidato attraverso l'intestino. Il sigmoidoscopio soffia aria o anidride carbonica nell'intestino per gonfiarlo leggermente e consentire al medico di vedere più chiaramente la parete intestinale. Una luce e una videocamera, alla fine del sigmoidoscopio, mostrano eventuali aree insolite e possono essere prelevati campioni di tessuto (biopsia).Il medico potrebbe richiedere l'esecuzione di ulteriori test per confermare eventuali aree insolite nell'intestino.

Ci sono effetti collaterali?

Un effetto collaterale occasionale di una colonscopia, è il dolore e la flatulenza temporanei, specialmente se durante l'esame viene trasmessa nell'intestino aria, anziché anidride carbonica. Le complicanze più gravi ma rare, includono danni all'intestino o sanguinamento. Il medico discuterà dei rischi con te. Durante l'esame del colon, il medico può anche rimuovere i polipi, che sono lesioni precancerose. Il medico può anche recuperare una biopsia di tessuto anormale da inviare a un laboratorio per i test. Fortunatamente, non sentirai nessuna di queste rimozioni e probabilmente non ricorderai nemmeno la procedura.

Ci sono effetti collaterali? 

Entro la prima ora successiva alla procedura, potresti avvertire crampi all'addome o gonfiore e non sarai in grado di portarti a casa dalla struttura. Il giorno dopo, puoi tornare alla tua dieta normale. Se hai rimosso una biopsia o dei polipi, potresti riscontrare un normale sanguinamento della luce dall'ano. Ricorda, a colonscopia non deve essere utilizzata come test di screening per le persone senza sintomi o a rischio medio di cancro intestinale. 

Per essere più sereno, consulta il tuo medico. Vediamo dove rivolgersi:

Ospedale San Camillo -  Viale Vittorio Veneto, 18 31100 Treviso

Gastoentorologia - Piazzale Ospedale, 1, Treviso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Mister Italia 2020, un 27enne di Mogliano vince la fascia di Mister Fitness

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento