rotate-mobile
Salute

Gli stampi da forno in silicone sono pericolosi per la salute?

Il silicone alimentare in cucina è un materiale diffusissimo, per chi avesse dubbi ecco cosa dicono gli esperti

Il silicone in cucina da qualche anno sta sostituendo i materiali classici, in vendita si trovano utensili di qualsiasi genere: mestoli o cucchiai, stampi e stampini da forno, pennelli e spatole, coperchi per contenitori sottovuoto, sottopentola, presine, tappetini da forno, sacchetti per la conservazione e persino spugne in silicone. Soprattutto chi si è messo a fare dolci cake design avrà avuto lccasione di sperimentarne di tutti i tipi, sono oggetti belli, colorati, duraturi, ma viene anche spontaneo chiedersi se è un materiale pericoloso per la salute visto che va a contatto con il calore e il cibo.

Comodo da utilizzare, antiaderente e utile per numerosi utilizzi, il silicone alimentare viene preferito a materiali come la carta e l'alluminio anche per una questione ecologica, essendo riutilizzabile. Tuttavia, alcuni test effettuati in passato hanno portato alla luce alcune problematiche nell'utilizzo di questo materiale. 

Il silicone per alimenti si presenta come una gomma elastica, è considerato un ibrido, in quanto costituito da miscele organiche di idrogeno e carbonio (idrocarburi), nonché derivato da polimeri inorganici contenenti silicio e ossigeno. Il silicone liquido platinico – di qualità superiore – è lo stesso che si usa in medicina, e in genere viene messo in forma con una lavorazione a iniezione liquida in stampi d’acciaio. Studiato per essere inerte e privo di prodotti di decomposizione, non deve reagire con i cibi o sprigionare sostanze nocive a temperature elevate.

Come ridurre i rischi

  • Verifica sempre la provenienza dello stampo e la presenza del marchio CE sul prodotto, che assicura la conformità alla normativa europea.
  • Prediligi gli stampi da forno e gli utensili realizzati in silicone platinico.
  • Quando acquisti uno stampo da forno, testa sempre il materiale. Se deformandolo con le mani per qualche minuto si creano delle crepe sul prodotto o noti delle variazioni di colore, meglio non acquistarlo: potrebbe essere indice di scarsa qualità.
  • Nel test di Altrocunsumo è emerso che la migrazione più elevata di sostanze tossiche dal silicone agli alimenti si verifica durante la prima cottura. Può quindi risultare utile scaldare gli stampi ad alte temperature prima di utilizzarli per cuocere gli alimenti.
  • Prima di utilizzarli in cucina, lava accuratamente gli stampi da forno in lavastoviglie, così da ridurre sensibilmente i rischi di migrazione di sostanze tossiche.
  • Evita di far entrare in contatto gli stampi da forno con sostanze aggressive, come alcuni detergenti, e con lame e oggetti appuntiti, e disfati degli utensili tagliati o macchiati in superficie. 
  • Infine, ricorda che il silicone non è un rifiuto riciclabile, ma deve essere consegnato presso le apposite isole ecologiche attrezzate.

Corretto utilizzo degli stampi in silicone

  • Il primo utilizzo. Prima del primo utilizzo lava lo stampo con acqua calda e sapone o in lavastoviglie. Questo passaggio serve per evitare che possa rilasciare sostanze tossiche durante le cotture
  • Un paio di cotture finte. Il consiglio è di scegliere prodotti di alta qualità e certificati. Per sicurezza però qualcuno preferisce fare un paio di cotture finte con pane secco bagnato. Infatti le prime due cotture della vita di uno stampo in silicone destavano qualche sospetto di rilascio di sostanze tossiche anni addietro. Le tecniche di lavorazione ed il controllo sul silicone sono migliorati negli anni. Sul nostro shop troverai solo stampi di ottima qualità, ma un accorgimento un più non guasta mai.
  • Lavaggio in lavastoviglie. Come già detto si possono lavare in lavastoviglie, e questo è un gran sollievo. Ma usa solo un’accortezza: non usare il brillantante
  • Non pulire con detergenti aggressivi o spugne abrasive. Non usare detergenti aggressivi o spugne abrasive perché potresti rovinare definitivamente la superficie dello stampo
  • Non porre lo stampo a contatto con fiamme dirette. Gli stampi in silicone possono essere usati in forno, microonde, ma non porli a contatto diretto con le fiamme, si rovinano e diventano inutilizzabili
  • Cottura al microonde. Va benissimo il microonde, ma non usare la funzione crisp
  • Oggetti appuntiti. Non usare oggetti appuntiti come coltelli o forbici potresti graffiarli o bucare il silicone e quindi rovinare del tutto lo stampo. Per estrarre il prodotto basterà un po’ di manualità, ma il silicone essendo flessibile sarà molto semplice
  • Come estrarre il preparato. In caso di cottura, in forno o microonde che sia, devi aspettare che il completo raffreddamento prima di estrarre il preparato. Una volta raffreddato scoprirai quanto sarà semplice sfilarlo dallo stampo
  • Imburrare solo il primo utilizzo. Per garantire la massima antiaderenza ti consiglio di imburrare o oliare lo stampo il primo utilizzo in caso di cottura
  • Olio, burro o acqua. Per le preparazioni che vanno in congelatore spennella lo stampo con dell’acqua. Per le preparazioni in frigorifero spennella con dell’olio (di semi va benissimo). Per le preparazioni da cattura invece, oltre al primo utilizzo come detto, non devi aggiungere grassi
  • Per non rovesciare il contenuto, aiutati con la griglia del forno. Estrai la griglia, riponi lo stampo sopra, riempi e poni in forno con la griglia. Una volta cotto estrai con tutta la griglia per fare in modo che il prodotto non si rompa da caldo ed attendi che si freddi completamente prima di togliere dallo stampo.

Il test di Altroconsumo

Nel 2007 Altroconsumo ha testato un campione di 19 stampi da forno in silicone, sottoponendoli a una temperatura di 200°C e verificando la presenza di una eventuale migrazione di sostanze dal silicone agli alimenti o di una eventuale perdita di peso da parte dello stampo stesso. 

In ben 16 stampi da forno su 19 si è verificata una migrazione di sostanze dal silicone agli alimenti durante la prima cottura, mentre alla terza cottura tutti gli stampi non rilasciavano più sostanze. Al contrario, solo 3 stampi su 19 non hanno raggiunto l’idoneità nella prova del peso.

Il silicone alimentare è pericoloso?

Indubbiamente, rispetto a questo test svolto nel 2007, le garanzie sulla sicurezza degli stampi in silicone sono ad oggi notevolmente aumentate, e numerose aziende produttrici sottopongono ad alte temperature i loro prodotti prima della messa in vendita, così da assicurare  l'eliminazione di qualsiasi sostanza volatile che possa contaminare gli alimenti.

Tuttavia, per evitare ogni possibile rischio, è possibile adottare alcune facili precauzioni per l’acquisto e l’utilizzo degli stampi in silicone, che ci assicurino di aver acquistato degli stampi idonei e che non rilascino sostanze pericolose.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli stampi da forno in silicone sono pericolosi per la salute?

TrevisoToday è in caricamento