Lascia il lavoro da cuoco a 26 anni e si mette a produrre formaggio locale

La storia di Andrea Murarotto, 26enne di Castelfranco Veneto che dopo cinque anni d’esperienza come cuoco e un diploma al Maffioli ha deciso di iniziare una nuova vita lavorativa

Andrea Murarotto nella sua bottega

Un diploma all'alberghiero Maffioli, cinque anni d’esperienza come cuoco in diversi ristoranti e una scelta controcorrente per un ventenne, quella d’investire nell'arte casearia per portare avanti un’antica tradizione.

Murarotto-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Due anni fa ho deciso di inserirmi nell'azienda agricola familiare e di iniziare a trasformare il latte in formaggio - racconta il 26enne con la passione per l’enogastronomia e i prodotti a km zero nel cuore - La mia attività è particolare, perché lavoro il latte caldo di mungitura, senza sottoporlo a trattamenti. La fortuna di avere la sala mungitura a 20 metri dal mio laboratorio mi permette di rendere sostenibile la mia attività dal punto di vista ambientale». I clienti di Andrea arrivano nella sua bottega, in località Casoni a Sant’Andrea Oltre il Muson di Castelfranco, dal territorio comunale ma anche dalla vicina San Martino e da San Giorgio in Bosco. Arrivano soprattutto in bicicletta e spesso si affidano al giovane casaro nella scelta dei formaggi da acquistare. «Sin dall’inizio della mia attività ho scelto di sperimentare, producendo formaggi diversi, a seconda del periodo, dai formaggi freschi come la mozzarella alla classica caciotta fino ai formaggi stagionati». Imparare l’arte casearia non è stato semplice: «qui in zona non ho trovato nessuno che potesse tramandarmi i segreti e le tecniche di questo lavoro, c’è un po’ di gelosia tra casari. Ma ho sentito dei casari in pensione e sono andato a trovarli a Semonzo del Grappa e a Vittorio Veneto, tutt’oggi mi capita di chiamarli in caso di dubbi, quando voglio sperimentare qualcosa di nuovo». A trasmettere ad Andrea la passione per la trasformazione del latte in formaggio è stata la mamma Renza, che aveva iniziato a produrre la classica caciotta, ma solo per uso familiare. «Io ho investito nel laboratorio, che ho attrezzato per avviare quest’attività secondo il progetto regionale delle Piccole Produzioni Locali. La mia è stata una scelta particolare e ne sono consapevole ma non tornerò più indietro, l’obiettivo è sviluppare l’attività. Lo step successivo, che ho in programma per il prossimo anno, è la creazione di una sala degustazione in cui proporre i miei formaggi insieme ad altre tipicità di aziende castellane come il vino e il miele».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Elezioni in Veneto: guida al voto per Referendum, Regionali e Amministrative

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento