Cannoli siciliani a domicilio, consegna speciale per l'ospedale Ca' Foncello

L'Apecannolo dei fratelli Giovanni e Francesco Fecarotta ha portato 1600 cannoli a domicilio per le festività pasquali con una consegna anche nel reparto Covid di Treviso

I fratelli Fecarotta davanti alla loro Ape Car

Il Coronavirus non ha fermato la passione di molti trevigiani per i cannoli siciliani. Dall'inizio dell'isolamento, infatti, l'Apecannolo dei fratelli Giovanni e Francesco Fecarotta continua a ricevere richieste da parte di decine di persone che chiedono di poter avere a domicilio i tipici dolci siciliani preparati a mano. Il servizio di consegne è stato attivato nelle scorse settimane e, in occasione delle festività pasquali appena trascorse, i fratelli siciliani "trapiantati" in provincia di Treviso sono riusciti a consegnare ben 1600 cannoli in 147 consegne coprendo una distanza di 350 chilometri in soli due giorni. Da Treviso a Montebelluna, passando per Istrana, Paese, Quinto di Treviso, Zero Branco, Dosson di Casier, Casale sul Sile, Roncade, San Biagio di Callalta e Villorba per citare solo alcuni dei tanti Comuni raggiunti dall'Apecannolo nei giorni scorsi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La consegna che più ci ha emozionato - spiega ai nostri microfoni Giovanni Fecarotta - è stata senza dubbio quella al reparto del Ca' Foncello dedicato ai malati di Coronavirus. Abbiamo portato i nostri cannoli in corsia proprio la domenica di Pasqua regalando un piccolo attimo di dolcezza al personale medico e sanitario impegnato nell'emergenza». I fratelli Fecarotta sono stati ringraziati pubblicamente da medici e infermieri sui social per il loro dolcissimo pensiero in un momento di così grande emergenza. Visto il successo riscosso, i due fratelli siciliani stanno pensando di replicare l'iniziativa anche per la festa del 25 aprile. Nel frattempo restano attive le consegne a domicilio durante tutti i fine settimana in attesa di riprendere a farcirli all'istante, una volta terminata l'emergenza, nei grandi eventi della provincia a bordo della loro inconfondibile Ape Car.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

  • Covid nelle scuole della Marca: 8 classi in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento