Castelfranco Veneto ha vinto il festival dei Piccoli borghi d'Italia

Il Comune trevigiano ha ricevuto 4.563 preferenze su 19.994 voti totali espressi, precedendo sul podio la pugliese Manfredonia e San Martino in Badia in Trentino-Alto Adige

Una veduta di Castelfranco Veneto (Foto d'archivio)

Obiettivo raggiunto. Castelfranco Veneto ha vinto la prima edizione del Festival dei Piccoli Borghi D’Italia. La notizia è giunta nel pomeriggio di oggi in Municipio, raccogliendo il pieno favore del sindaco, Stefano Marcon e del vicesindaco Giovine.

«Indubbiamente fa piacere – commenta il sindaco, Stefano Marcon – non solo per la vittoria in sé e per il richiamo mediatico e promozionale che questo successo comporta, ma soprattutto per la numerosa partecipazione al voto perché ancora una volta abbiamo saputo dare prova di essere Comunità. Lo stiamo dimostrando quotidianamente in questa interminabile emergenza, con piccoli e grandi esempi di solidarietà, ma abbiamo dato segnale di unione ed attaccamento alla Città anche con questo voto online». Numeri alla mano il video di Castelfranco Veneto, prodotto nella Primavera del 2019 ed ancora visibile online, ha ricevuto 4.563 preferenze da altrettanti utenti (si poteva dare un solo voto) sui 19.994 voti totali espressi precedendo sul podio la pugliese Manfredonia e San Martino in Badia portacolori del Trentino-Alto Adige. Venti i docufilm, uno per Regione, che hanno preso parte alla competizione online in questa prima edizione del concorso indetto BweB, produttore tra le altre del format televisivo Piccola Grande Italia, per una proposta sorta con l’obiettivo di promozionare alcuni borghi sconosciuti della bella Penisola in queste settimane di quarantena. Oltre la prima riga dell’albo d’oro e la targa che verrà consegnata dagli organizzatori, al Comune di Castelfranco Veneto è assegnato un buono del valore di 2mila euro per l'acquisto di attrezzature per la proiezione e la diffusione di contenuti audiovisivi. «Ringrazio gli organizzatori del festival per questa opportunità e quanti hanno raccolto il nostro appello di votare per la città – commenta il vicesindaco con delega al Turismo, Gianfranco Giovine – un risultato ottenuto sì con i tanti voti dei castellani ma soprattutto con strategia da noi messa in atto lo scorso anno, un progetto di promozione della città studiato che ha voluto abbracciare i network televisivi nazionali ed internazionali. Una filosofia che ha pagato e sta pagando; basti infatti pensare che il nostro video, dopo la messa in onda nel 2019 con i vari passaggi nelle diverse piattaforme, solo venerdì 17 aprile, prima giornata della pubblicazione del festival, è stato visualizzato da 26 mila utenti della Rete. Da questi risultati ora partiamo con l’obiettivo di rilanciare il turismo della nostra città colpito da questa crisi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il commento dell'assessore regionale al Turismo

«Mai come in questo periodo abbiamo bisogno di buone notizie, di segnali incoraggianti per affrontare con determinazione e coraggio l’ormai imminente fase di ripresa: il successo di Castelfranco Veneto al primo Festival dedicato ai Piccoli Borghi d’Italia è una vera e propria iniezione di fiducia». Con queste parole l’assessore regionale al turismo, Federico Caner, saluta la vittoria del video che racconta la città del Giorgione nel concorso indetto dal canale Piccola Grande Italia. «Mi complimento con gli autori del filmato, con la comunità e l’Amministrazione comunale di Castelfranco – prosegue l’assessore –, artefici tutti insieme di un’affermazione che conferma la capacità di una delle più belle città murate della nostra regione di irradiare il suo fascino e la sua attrattiva culturale e turistica in tutto il Paese. Ricominciamo proprio da qui – conclude Caner –, dalla consapevolezza che il Veneto ha molto da offrire, che i suoi tesori artistici, la sua storica vocazione all'ospitalità, la sua varietà di offerta turistica sono e saranno i principali strumenti per mettersi alle spalle questa crisi. Intanto, grazie Castelfranco».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Treviso sta entrando nella terza fascia di emergenza»

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • La fortuna bacia un trevigiano: vinti 300 mila euro al "Miliardario"

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Questo è il periodo della zucca: 4 ricette tipiche buonissime

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento