rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
Blog

Ciechi e ipovedenti impegnati nello "sport dei boschi" sulle splendide Dolomiti bellunesi

Torna a Falcade la "16^ Settimana Verde per Disabili Visivi" che si svolgerà dal 24 giugno al 2 luglio. Il gruppo visiterà il Vajont e farà anche una gara di orienteering nella natura

Inizierà domenica la prossima "Settimana Verde" dell'Associazione Disabili Visivi ONLUS, la ricercatissima manifestazione organizzata da ben 16 anni sulle Dolomiti, nella zona di Falcade. Un nutrito gruppo di non vedenti ed ipovedenti (circa 35) accompagnati dai Carabinieri Forestali, dai Vigili del Fuoco di Belluno, che metteranno a disposizione anche i mezzi per gli spostamenti, dal Ricercatore Geologo Barbara Aldighieri del CNR dell’IDPA e da diverse guide volontarie anche della zona, avranno la possibilità di fare delle bellissime escursioni anche molto impegnative sulle montagne circostanti. Il tutto è promosso e coordinato dalla instancabile Dott.ssa Paola Favero, Tenente Colonnello dei Carabinieri Forestali, che da sempre è l'animatrice di tutte le attività sportive dell'Associazione Disabili Visivi in Veneto.

Domenica 25, gli abitanti di Vallada Agordina condurranno i non vedenti nella consueta gara di Orienteering per non vedenti (unica in Italia). L’Orienteering, o “sport dei boschi”, è stato opportunamente riadattato alle esigenze di chi non vede; i partecipanti, infatti, con l’aiuto di mappe in rilievo tracciate con silicone, organizzati in squadre miste di ciechi, ipovedenti e vedenti, devono raggiungere dieci tappe, o “lanterne”, e rispondere a quesiti multisensoriali, utilizzando quindi tatto, udito, olfatto, gusto e…logica matematica! A concludere la gara, un originale percorso con un “filo di Arianna” tra alberi, radici e rovi, che tutti – compresi i vedenti bendati – dovranno seguire in condizioni di "pari opportunità".

Esperti, quali il Geologo Prof. Vittorio Fenti, l’esperto Faunistico Gino Gobbo e il Prof. Gianni Frigo, che mostrerà i luoghi della Grande Guerra, saranno accanto ai disabili visivi per far meglio apprezzare con le loro spiegazioni, prima di ogni escursione e poi in loco, la magia del museo a cielo aperto che le Dolomiti regalano. È prevista anche una visita sui luoghi del Disastro del Vajont, accompagnati dalle bravissime guide del Parco. Da segnalare anche le attività serali, tra cui quella di martedì 27, quando  il gruppo si sposterà nei suggestivi Serrai di Sottoguda per “Il cammino della commedia” ovvero Alessandro Anderloni che dice Dante, accompagnato dal Maestro di chitarra classica a 10 corde Paolo Garganese (non vedente). Giovedì 29, il Coro Val Biois farà dono della loro incantevole voce nei pressi dell’hotel Cristal che amorevolmente ospita i non vedenti da tantissimi anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ciechi e ipovedenti impegnati nello "sport dei boschi" sulle splendide Dolomiti bellunesi

TrevisoToday è in caricamento