Cinema Safari: il 7 ottobre torna l'appuntamento con Cineforum Labirinto

A partire dal mese di ottobre, Cineforum Labirinto propone un nuovo viaggio nel cinema che avrà come protagonisti le tantissime creature del mondo animale

TREVISO Simbolismo e metafora: sono questi i due elementi che i ragazzi dell'associazione culturale Cineforum Labirinto hanno preso in considerazione per avviare la loro nuova rassegna cinematografica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Organizzata in collaborazione con TRA – Treviso Ricerca Arte, "Cinema Safari" si svolgerà in tre appuntamenti a ingresso libero ogni primo venerdì del mese tra ottobre e dicembre. Le proiezioni saranno ospitate, come sempre, al piano nobile di Ca’ dei Ricchi, nel cuore di Treviso. Protagonisti della rassegna tre registi molto noti agli appassionati di cinema: con Emir Kusturica e Tim Burton, gli animali assumeranno sul grande schermo una valenza allegorica (Kusturica) e fortemente simbolica (Burton). Il regista Wes Anderson, invece, offrirà un classico esempio favolistico in cui animali, esageratamente antropomorfizzati, diventeranno protagonisti di avventure incredibili. Venerdì 7 ottobre, ore 21, il debutto della rassegna con uno dei film più amati da Cineforum Labirinto, “Gatto nero, gatto bianco” dell’esuberante cineasta Emir Kusturica. Chiassosi protagonisti della pellicola uscita, nelle sale nel 1998, sono Grga Pitic, un magnate delle discariche, e Zarije, orgoglioso proprietario di una cava, amici fraterni che per varie vicissitudini non si vedono da oltre venticinque anni. Il figlio di Zarije, Matko è un buono a nulla e si rivolge a Grga per farsi prestare del denaro e concludere un affare. Successivamente coinvolge anche Dadan Karambolo, il boss dei gangster gitani, che immancabilmente finirà per raggirarlo. Un piccolo capolavoro tutto da riscoprire che conferma, ancora una volta, la grande proposta artistica della giovane associazione culturale trevigiana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Mister Italia 2020, un 27enne di Mogliano vince la fascia di Mister Fitness

  • Rimorchio si rovescia in strada, persi quasi 40 quintali di uva

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento