La degustazione "digitale" del vino ai tempi del coronavirus

Il caso dell’azienda agricola siciliana Cortese, che produce esclusivamente vini biologici, che si avvale di una trevigiana, la giornalista e addetta stampa Renza Zanin, per comunicarsi

Una degustazione on line

Eventi stampa, degustazioni, conferenze. Anche la comunicazione del mondo del vino cambia a fronte delle restrizioni imposte dal Governo per contenere l'emergenza del Coronavirus. Cambia ma non si ferma grazie a professionisti capaci di rinnovare la propria professionalità, sfruttando le potenzialità del web. È il caso dell’azienda agricola siciliana Cortese), che produce esclusivamente vini biologici, che si avvale di una trevigiana, la giornalista e addetta stampa Renza Zanin, per proseguire le sue attività di comunicazione in Italia e nel mondo. La formula è quella della degustazioni digital rivolte a giornalisti, sommelier ma anche a buyer e clienti.  Il progetto, chiamato “Vino-à-porter”, è stato ideato da Francesca Negri, firma nota del mondo del vino, giornalista e autrice di libri sul tema, conosciuta anche per il blog “Geisha Gourmet”. L’azienda Cortese, con sede a Vittoria, nel Ragusano, è guidata dal trentino Stefano Girelli (foto qui in basso), tre generazioni di esperienza nel mondo del vino. Confinato a Trento per le nuove disposizioni, Girelli continua la sua comunicazione con il supporto di Renza Zanin, passando dal Coneglianese per raggiungere gli interlocutori dentro e fuori dai confini nazionali.

Stefano Girelli-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La formula “Vino-à-porter” è semplice -spiega la pierre trevigiana- Contattiamo i giornalisti presentando l’azienda, inviamo loro le campionature e, una volta ricevute, fissiamo una videochiamata avvalendoci degli strumenti che il web ci consente di utilizzare. Questi incontri one-to-one online ci hanno permesso di sostituire gli eventi stampa previsti in aprile in tutto il territorio nazionale, consentendo al giornalista di conoscere l’azienda e i prodotti attraverso la voce del produttore. Oggi molte altre aziende trevigiane ci stanno contattando per ripetere questa formula e continuare il prezioso lavoro di comunicazione che sarà fondamentale per ripartire». Il cosiddetto “smart working” tocca così le sfere dell’enogastronomia e unisce Treviso, Trento e la Sicilia a tutte le altre città italiane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Una folla commossa per dare l'ultimo saluto al piccolo Tommaso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento