Coronavirus, il vignettista Beppe Fantin: «Cerchiamo di sdrammatizzare»

Una carrellata di vignette satiriche sugli avvenimenti di queste giornate di forte apprenzione per tutti i veneti

Una delle vignette di Beppe Fantin

Come accade spesso, la satira anche nelle situazioni più difficili può servire per far sorride, pensare oppure a sdrammatizzare. In questo momento così delicato e difficile da capire e gestire, ho cercato di dare un senso ironico a tutto questo. Il coronavirus non deve essere sottovalutato e lascio la parola e le informazioni agli esperti, non sopporto chi approfitta dell’anonimato del web per postare fake news e altre idiozie creando allarmismo e psicosi. Io utilizzo la satira perché la parentesi scherzosa in un contesto serio e importante serve per fermarsi, prendere fiato, riflettere e ricominciare a pensare senza troppe fobie e paure. Non c’è dubbio che le precauzioni vanno prese e soprattutto vanno ascoltati i consigli di medici e addetti ai lavori. Ho sempre grande fiducia di chi ci governa, ho seguito e seguo i passi del nostro Governatore Luca Zaia e devo dire che quando si tratta di emergenza è sempre in prima linea pronto per dare informazioni e soluzioni affrontando al meglio le necessità. Quindi credo che anche in questo caso di coronavirus il Veneto e i veneti stiano tirando fuori il meglio del meglio per dare la possibilità ai sanitari di lavorare con lo scopo di mettere la parola fine a questo batterio.

Oggi vorrei coinvolgere i lettori di Treviso Today con una carrellata di vignette che ripercorrono queste giornate fatte di una sola ed unica notizia. Quella appunto del Coronavirus. Il mio augurio è che venga trovato al più presto un vaccino che metta la parola fine a tutto questo sconquasso e che si possa tornare rapidamente alla normalità. Inoltre, credo che le precauzioni prese per contrastare il virus siano sempre da tenere in tasca utilizzandole tutti i giorni. Mantenere le mani pulite, ad esempio è una buona e fondamentale regola che serve ad allontanare qualsiasi forma virale, anche le influenze che ogni anno nella stagione fredda assalgono e costringono a letto milioni di italiani.

Ora il carnevale è finito, non ci resta che aspettare il tepore della primavera e il caldo sole dell’estate, ma sicuramente non sarà finita. Dopo un inverno assente e una primavera anticipata ci sarà sicuramente un periodo in cui il maltempo rovinerà le colture già sbocciate. Mah! Questi sono gli eventi a cui ci dobbiamo abituare perché saranno sempre più frequenti, almeno questo è quello che dicono gli esperti. Tra un virus e l’altro, tra il freddo fuori stagione e il caldo torrido che arriverà, facciamoci una risata perché ridere è constatato che fa solo bene alla salute.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Buona giornata
Beppe Fantin

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioca al Lotto e vince 165mila euro centrando una quaterna

  • E' morto Tommaso, il bimbo di Dosson schiacciato da un cancello

  • Ex Caserma Serena: 133 migranti positivi al test del tampone

  • Disperate le condizioni del bimbo schiacciato da un cancello scorrevole

  • Cancello scorrevole si stacca e travolge bimbo di quattro anni, grave in ospedale

  • Coronavirus, Zaia: «In Veneto misure prorogate fino al 15 ottobre»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento