Giovedì, 21 Ottobre 2021
blog

Fotografo trevigiano trasforma gli oggetti di casa in opere d'arte

Si chiama "Diario di un virus" ed è il nuovo progetto artistico di Federico Marin, fotografo trevigiano che ha approfittato della quarantena per trasformare in arte la quotidianità

Dall'inizio del periodo di isolamento in Veneto, ormai più di 40 giorni fa, il fotografo trevigiano Fedeico Marin ha deciso di sfruttare l'isolamento forzato iniziando a realizzare una serie di sculture domestiche utilizzando esclusivamente oggetti trovati in casa.

Il progetto si chiama "Diario di un virus" e, in poche settimane, ha raccolto decine di apprezzamenti e condivisioni sulle pagine social dell'artista. Le sue produzioni di questo periodo sono ironiche e surreali. Hanno spesso un equilibrio precario (senza alcun utilizzo di Photoshop, le sculture sono una sovrapposizione di oggetti) in linea con la condizione emotiva di questo momento di isolamento. La descrizione alle sue foto dice "una al giorno fino alla fine della quarantena". Tra le opere realizzate fino ad oggi ci sono accostamenti stravaganti ma di grande effetto che uniscono oggetti comuni spesso distantissimi tra loro: arance e una scala, uova e sculture balinesi, installazioni floreali, paralumi, palloncini e così via in un costante riutilizzo dei prodotti legati alla nostra quotidianità. Il messaggio è rendere l'ordinario straordinario elevando oggetti di uso comune a forme d'arte. L'idea di Marin, che nella vita alterna lavori commissionati allo sviluppo di progetti personali, ha riscosso un grande successo sui social con centinaia di apprezzamenti e condivisioni.

Il sito dell'artista è visitabile a questo linkqui sotto, invece, un'altra delle sue creazioni
scultura-marin-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fotografo trevigiano trasforma gli oggetti di casa in opere d'arte

TrevisoToday è in caricamento