rotate-mobile
Blog Centro

Festa europea della musica: una giornata di concerti nei luoghi simbolo di Treviso

Martedì 21 giugno il capoluogo si trasformerà in un enorme palcoscenico a cielo aperto: concerti dalla Loggia dei cavalieri al giardino dell’Oasi pediatrica del Ca’ Foncello. Prenotazioni aperte

Martedì 21 giugno Treviso riaprirà le porte alla "Festa europea della musica", evento internazionale istituito nel 1985 e divenuto dal 2016 anche in Italia una festa trasversale e diffusa: per tutto il giorno la città proporrà un ricco programma dal titolo "Note nascoste: arte, musica e visite guidate a Treviso", organizzato dal Comune di Treviso in collaborazione con l’associazione cittadina Musincantus, che creerà un affascinante dialogo tra musica e arte.

Festa europea della Musica-2

I commenti

«Siamo orgogliosi di celebrare la Festa Europea della Musica attraverso un incredibile incontro tra le note “antiche”, “moderne” e i luoghi più suggestivi della nostra città - le parole dell’assessore ai Beni culturali, Lavinia Colonna Preti -. Grazie alla collaborazione con Musicantus, che ringrazio per la consueta capacità di valorizzare artisti e contesti culturali, avremo la possibilità non solo di far apprezzare ogni angolo della città con una colonna sonora d’eccezione ma anche di portare iniziative, idee e visite guidate all’insegna della musica e dell’arte. Treviso è una Città con una tradizione musicale importante ed è per questo che la Festa della Musica assume un significato ancora più profondo». 
«Anche per quest’anno insieme al Comune di Treviso abbiamo voluto portare la Festa della Musica in ogni angolo della città - racconta Edoardo Bottacin, presidente di Musincantus - animando alcuni dei luoghi più suggestivi e ricchi di storia della città ma anche alcuni spazi di grande valore simbolico e meno noti».

Festa Musica_ Antonello_Bottacin_Colonna Preti-2

Il programma

La biblioteca incantata. Dalle 10.45 sarà possibile partecipare alle visite guidate per scoprire i manoscritti e codici musicali più antichi di Treviso, conservati nello straordinario archivio della Biblioteca Capitolare di Via Canoniche, che dal 1135 custodisce alcuni fra i documenti più preziosi della città. Ad accompagnare i visitatori sarà il professor Michele Pozzobon, esperto componente della Commissione Diocesana per la Musica Sacra e maestro di cappella del Duomo di Treviso. Il numero massimo consentito per la visita è di 12 persone (su prenotazione scrivendo a cerimoniale@musincantus.it).

Trio d’archi all’Oasi pediatrica del Ca’ Foncello. Gli artisti dell’Istituto Diocesano di musica sacra si esibiranno alle 10 per bambini e adulti nel giardino dell’Oasi pediatrica del Ca’ Foncello: uno spazio di alto valore simbolico per ricordare come la musica possa diventare anche uno straordinario momento di coesione sociale. Il numero massimo consentito per la visita è di 10 persone (su prenotazione scrivendo a antonellomargherita306@gmail.com, ingresso con mascherina ffp2 e Green pass).

I giardini segreti di Treviso. Un viaggio eccezionale tra gli spazi verdi nascosti nel centro urbano dalle 15.30 alle 18.30 che Margherita Antonello, Flaminia Palminteri e Gabriella Bravin sveleranno ai visitatori, tra informazioni botanico - paesaggistiche e note storico - culturali, anche grazie al suggestivo accompagnamento musicale. Il percorso si snoda in quattro tappe: da Palazzo Riccati, in Borgo Cavour, accompagnati dal quartetto d’archi del Conservatorio Steffani, e Palazzo dei Feneri, in via S. Nicolò, al giardino di vicolo S. Margherita e a quello di vicolo Giustinian Recanati, dove si esibirà l’originale ensemble di fiati Il Fischio del Conservatorio Agostino Steffani. Tour su prenotazione per gruppi di 25 persone, iscrizioni via mail scrivendo a antonellomargherita306@gmail.com

Note classiche al Quartiere Latino. Nel cuore del polo universitario cittadino progettato da Paolo Portoghesi, dalle 16.15 alle 21.30 si alterneranno i giovani talenti locali dell’Istituto Diocesano di Musica Sacra, dell’Istituto Musicale Manzato e di Iris Musica; al loro fianco ci saranno la pianista e compositrice romana Rita Ciancio e il pianista casertano Luca Alemagna.

Note moderne alla Loggia dei Cavalieri. Nel duecentesco fulcro della vita cittadina, dalle 17.15 alle 20.00, risuoneranno le sonorità contemporanee delle fisarmoniche del Quartetto Aires, le polifonie di Rainbow Ensemble, il trio vocale Bestelband, il pop funk dei trevigiani As we are, Legends e il folk rock italiano dei Daushasha. Uno spazio speciale sarà riservato agli allievi dell’Istituto Musicale Manzato e dell’Istituto Diocesano di musica Sacra.

Note jazz a La Piola. Le suadenti sonorità de jazz avvolgeranno gli spazi della storica pizzeria di via Carlo Alberto a partire dalle 20.30 grazie al Max Trabucco Trio, composto dal batterista Max Trabucco, giovane talento del panorama jazz italiano, da Federico Pierantoni al trombone e Federica Michisanti al contrabbasso, in collaborazione con Treviso Suona Jazz.

Note corali a San Pelagio. La Festa Europea della Musica a Treviso non si concluderà martedì 21 giugno ma si protrarrà fino a venerdì 24 giugno, quando, alla Chiesa di San Pelajo alle 21.00, si svolgerà il concerto del coro Voci d’Oltrefiera, diretto e accompagnato all’organo dal Maestro Lorenzo Bellagamba, In collaborazione con AVeCor – Associazione Veneto Corale. Il coro, nato nel 2013 nel popolare quartiere trevigiano di Fiera, si misura con un repertorio ricco, che spazia dalla musica rinascimentale al pop, dalla musica sacra alla canzone d’autore contemporanea, dal canto tradizionale di montagna a quello etnico. 

Tutti gli eventi sono gratuiti, per la visita “La biblioteca incantata”, per il concerto “Trio d’archi all’Oasi pediatrica del Ca’ Foncello” e per il percorso “I giardini segreti” è necessaria la prenotazione. Per informazioni: www.comune.treviso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa europea della musica: una giornata di concerti nei luoghi simbolo di Treviso

TrevisoToday è in caricamento