blog

Festival delle Abbazie, tre serate di musica dal vivo per accendere l'estate

Presentata venerdì 14 maggio la quarta edizione: Nervesa, Monastier e Vidor ospiteranno i concerti di: Davide "Boosta" Dileo, Avion Travel e Pauliverse. Ingressi gratis, prenotazioni obbligatorie

La conferenza di presentazione del Festival delle Abbazie

Il Festival delle Abbazie non si ferma e annuncia la sua quarta edizione tutta nel segno della musica dal vivo. Le ex abbazie benedettine della Marca sono le protagoniste assolute della suggestiva locandina della manifestazione, ancora una volta curata dalla designer Valentina Mazzanti. Nervesa, Monastier e Vidor ospiteranno tre concerti con ingressi contingentati e prenotazioni obbligatorie. Un ritorno agli spettacoli all’aperto, all’aggregazione senza assembramenti, alla condivisione di cultura e bellezza, nel rispetto delle disposizioni di legge e dei luoghi millenari che faranno da cornice a tre straordinarie esperienze in musica.

Il programma

  • Venerdì 4 giugno, alle ore 20, all'abbazia di Sant’Eustachio a Nervesa della Battaglia andrà in scena il "Concerto facile" di Davide Boosta Dileo. Il tastierista e co-fondatore dei Subsonica eseguirà al piano i brani del suo ultimo album “Facile”, pubblicato nel 2020 per Warner Music Italy. Un lavoro discografico figlio delle suggestioni scaturite nei mesi del primo lockdown, “tra i più strani e dolorosi per l’umanità”. Un album cresciuto nel silenzio del Torino Recording Club, lo spazio privato di Boosta.
  • Sabato 12 giugno, sempre alle ore 20, ma all'abbazia di Santa Maria del Pero a Monastier, a esibirsi sarà la Piccola Orchestra Avion Travel, storica formazione pop-jazz di Peppe Servillo, vincitrice del Festival di Sanremo 2000. Con l’Opplà Tour la band casertana festeggia 40 anni di carriera eseguendo i brani più preziosi e segreti del repertorio, riproponendo la propria “lieve storia con al centro il sogno di una chitarra”.
  • Sabato 26 giugno, alle ore 20, l'ultima serata all'abbazia di Santa Bona a Vidor. Dallo storico bastione sul Piave risuoneranno le note di Io sono Pauliverse, il nuovo spettacolo di Paolo Fornasier. Pauliverse è il progetto musicale più elettronico, ibrido e moderno del giovane compositore e pianista bellunese, in cui si fondono stili diversi, universi musicali paralleli, suggestioni dal passato e future esplorazioni.

Tutti i concerti saranno gratuiti. La prenotazione è obbligatoria: si potrà effettuare telematicamente da piattaforma Eventbrite e in altre modalità che saranno di volta in volta illustrate sulla pagina Facebook del Festival delle Abbazie e sul sito web www.fieralibre.it. In caso di maltempo i concerti andranno in scena comunque: a Nervesa presso la Chiesa di San Nicolò, a Monastier presso il Park Hotel Villa Fiorita e a Vidor presso la cappella privata dell’abbazia. Nato nel 2018, quando l’associazione Fiera Libre contribuì ad allargare la pluridecennale esperienza di Concerti in Abbazia di Monasier alle altre strutture benedettine della Marca. Le tre amministrazioni coinvolte hanno voluto fortemente proseguire il progetto anche negli anni bui della pandemia, proprio per ricompensare simbolicamente la comunità dei tanti sacrifici sostenuti. In questa edizione in particolare, le Amministrazioni hanno curato anche la direzione artistica del Festival, dal momento che il presidente dell’associazione Fiera Libre Ricky Bizzarro è attualmente impegnato nella promozione del suo nuovo progetto musicale con i Radiofiera.

Cartellone FdA2021-2

I commenti

Paolo Zanatta, consigliere comunale di Nervesa della Battaglia con delega alla cultura: «Fin da quando Fiera Libre ci propose nel 2018 di far parte del Festival delle Abbazie, l’idea è sempre stata quella di portare nello scenario straordinario di Sant’Eustachio delle esperienze uniche, dissonanti, rischiose. Basti pensare allo spettacolo di arte digitale e musica medievale di due anni fa, all’alba. La scelta di Boosta rientra perfettamente in questa direzione: Boosta è un esploratore musicale di successo, al contempo dj internazionale e autore per Mina, pianista e creatore di seduzioni elettroniche. Riteniamo che saprà contaminarsi con questo luogo senza tempo che abbiamo la fortuna di offrirgli, per restituire qualcosa di irripetibile».

Tatiana Saviane, assessore alla cultura di Monastier di Treviso: «Siamo orgogliosi di proseguire la grande tradizione della musica di qualità all’Abbazia di Santa Maria del Pero ospitando la Piccola Orchestra Avion Travel, sicuramente una delle formazioni musicali tra le più longeve e raffinate del nostro Paese. Abbiamo sempre sostenuto per tutto questo difficile periodo il settore culturale e artistico: il Festival delle Abbazie è l’occasione per riaccendere una luce importante sulla musica e sulla voglia di condividere esperienze. Abbiamo tutti un grande bisogno di frastornarci di talento, di serate di questa caratura».

Cristina Pavan, assessore alla cultura di Vidor, conclude: «Quest’anno il Comune di Vidor chiuderà il Festival delle Abbazie con il concerto “Io sono Pauliverse. Viaggio tra i miei universi sonori” del giovane musicista bellunese Paolo Fornasier. Il concerto, che si svolgerà nella splendida cornice dell’Abbazia di Santa Bona, porterà l’ascoltatore in spazi sconfinati, permettendo viaggi emotivi immaginari, più che mai necessari dopo quest’anno di pandemia. Fondamentale per l’organizzazione della serata di Vidor è stata la sponsorizzazione da parte di tre Cantine del nostro territorio. Per Vidor sarà il primo evento di quest’estate che vedrà, sempre nel rispetto delle misure di sicurezza, altre importanti proposte culturali».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festival delle Abbazie, tre serate di musica dal vivo per accendere l'estate

TrevisoToday è in caricamento