rotate-mobile
blog Nervesa della Battaglia

Inaugurazione dell'Abbazia di Sant'Eustachio: in centinaia ad ammirare il restauro

Per l'occasione era presente anche il Governatore del Veneto Luca Zaia. L'obiettivo è quello di far diventare l'ex monastero un punto d'interesse per il turismo storico-naturalistico

NERVESA DELLA BATTAGLIA In migliaia sabato scorso all'inaugurazione dopo il restauro dell'antica Abbazia di Sant'Eustachio a Nervesa della Battaglia, presenti alla cerimonia numerosi sindaci della zona, naturalmente in prima fila Fabio Vettori, sindaco di Nervesa, assieme a Luca Zaia Governatore del Veneto, Andrea Alberti sovraintendente ai beni culturali e archittettonici del Veneto, il Tenore Francesco Grollo che ha aperto la cerimonia con l' "Inno di Mameli" e concluso con "Leggenda del Piave". Presente anche il parroco di Nervesa don Flavio Gallina che al termine dell'evento ha benedetto il sito.

Inaugurazione Abbazia di Sant' Eustachio

Non poteva mancare Ermenegildo Giusti, il padrone di casa e unico presentatosi al bando di gara indetto dall'amministrazione per il restauro e recupero dei volumi originali del monastero mediovale, distrutto dai bombardamenti durante la Grande Guerra: in seguito alla disfatta di Caporetto, infatti, l'edificio si trovò adiacente alle linee nemiche austro-ungariche. A fronte di questo impegno economico l'Azienda Giusti avrà in concessione il sito per ottant'anni, con la manutenzione a carico. L'obiettivo è quello di far diventare l'ex monastero un punto d'interesse per il turismo storico-naturalistico, categoria in crescita in tutto il mondo. Proprio per questo, nella struttura sono stati ricavati anche una foresteria, dove poter acquistare numerosi prodotti del territorio, una sala conferenze che sarà a disposizione della comunità e un'area museo che sarà gestita dal Gruppo Naturalistico Montelliano. Tra i reperti in mostra spicca la bolla Papale di Papa Leone X, che nel 1521  dette all' abbazia lo stato di "prepositura commendatizia".

Ogni intervento sul sito è stato diretto dall'architetto Armando Guizzo alla guida di un team specializzato in questo tipo di lavori, e condiviso con la sovrintendenza dei beni paesaggistici del Veneto come sottolineato dal arch. Andrea Alberti. Al termine della mattinata il Governatore Zaia ha tenuto a sottolineare come senza un imprenditore lungimirante ed attento come Giusti, che ha finanziato tutti i lavori, non si sarebbe mai potuto recuperare un sito di così grande interesse per la nostra comunità. In seicento giorni di duro lavoro è stato completato un progetto iniziato secoli fa. Dai prossimi giorni l'abbazia e tutti i locali connessi saranno raggiungibili attraverso la passeggiata che inizia di fronte alla chiesa di Nervesa.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurazione dell'Abbazia di Sant'Eustachio: in centinaia ad ammirare il restauro

TrevisoToday è in caricamento