Studenti coneglianesi a lezione per diventare guide museali alla mostra su Giotto

Nella giornata di sabato 11 novembre si è svolta la prima lezione per gli studenti di Conegliano che faranno da guida ai visitatori della mostra che aprirà i battenti il 7 dicembre

CONEGLIANO Una trentina di allievi, attenti e affascinati, hanno ascoltato per oltre un’ora, nella mattinata di lunedì 13 novembre, il professor Roberto Filippetti. È stato questo infatti il primo passo per diventare delle vere e proprie guide museali.

Saranno infatti gli studenti coneglianesi, con altri coetanei, ad accogliere i visitatori, grandi e piccini, della mostra “A tu per tu con Giotto – Alla scoperta della Cappella degli Scrovegni”. Sabato 11 novembre si è infatti tenuto il primo degli incontri dedicati a loro, le future guide. Il prossimo è in programma martedì 21 novembre ore 19 nella sala parrocchiale di San Pio X. Con la solita dialettica, l’ideatore e curatore dell’ “esposizione”, prodotta e circuitata da Itaca - Eventi culturali, che porterà nella città del Cima la realizzazione in scala 1:4 della chiesa patavina con la riproduzione ad alta definizione di tutti gli affreschi di Giotto, ha svelato al suo pubblico i segreti per ammaliare gli spettatori che dal 7 dicembre 2017 al 10 gennaio 2018 saranno presenti a Palazzo Sarcinelli. Il già docente di lettere nei licei e ora professore di iconologia e iconografia cristiana all’Università europea di Roma ha ripercorso, ad uno a uno, gli affreschi di Giotto, citando anche particolari curiosi, dettagli che con la visita “reale” alla cappella patavina sfuggono e coincidenze divertenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per spiegare la cometa riprodotta in maniera scientificamente perfetta da Giotto (la famosa cometa di Halley osservata dal pittore nel 1302) è intervenuto anche l’astronomo Piero Benvenuti, presidente del Centro Humanitas. La mostra, ad ingresso libero, sarà aperta a tutta la cittadinanza (non solo agli alunni delle scuole elementari, medie e superiori) e visitabile tutti i giorni (esclusi i festivi) il mattino su prenotazione e il pomeriggio dalle 15 alle 19. Ad organizzare l’evento che permetterà ai visitatori di approfondire la conoscenza del massimo capolavoro di Giotto Maratona di Treviso insieme al Centro Culturale Humanitas e a Comunione e Liberazione Diocesi Vittorio Veneto, con il supporto e il patrocinio del Comune di Conegliano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioca al Lotto e vince 165mila euro centrando una quaterna

  • E' morto Tommaso, il bimbo di Dosson schiacciato da un cancello

  • Ex Caserma Serena: 133 migranti positivi al test del tampone

  • Disperate le condizioni del bimbo schiacciato da un cancello scorrevole

  • Cancello scorrevole si stacca e travolge bimbo di quattro anni, grave in ospedale

  • Coronavirus, Zaia: «In Veneto misure prorogate fino al 15 ottobre»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento