Lotteria Italia, vendite di biglietti in calo nel Veneto e nella Marca

A partire dalle 20:30 di lunedì 6 gennaio 2020 saranno annunciati i vincitori. Vendite in calo nella Marca, penultima tra le province venete per numero di biglietti acquistati

Si attestano a 434.400 i tagliandi venduti in Veneto per l’edizione 2019 della Lotteria Italia: un dato in calo del 9% rispetto all’anno scorso quando i biglietti staccati furono 477.610. Come un anno fa, ricorda Agipronews,Verona è la provincia in cui si è giocato di più, con 125.020 biglietti staccati, anche se il calo è stato rilevante (-15%). Padova sorpassa Venezia in seconda posizione, con 86.360 tagliandi (-7%), il capoluogo si ferma a 84.900 (-10,7%). Stabili i dati di Vicenza (54.300 biglietti, -1,5%), di Treviso (51.540 biglietti, appena dieci in meno dell’anno scorso) e di Belluno (11.500 tagliandi, 30 in meno rispetto all'edizione 2018). In deciso calo Rovigo (20.780, -14,9%).

Sei mesi di tempo dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dell’elenco dei biglietti vincenti: è la “data di scadenza” della Lotteria Italia. I vincitori hanno 180 giorni per riscuotere il premio, presentando il tagliando vincente, integro e in originale, negli sportelli di Banca Intesa Sanpaolo oppure all'Ufficio Premi di Lotterie Nazionali. Il pagamento avviene entro 30 giorni dalla data di presentazione del biglietto. Il biglietto, spiega Agipronews, può anche essere spedito direttamente all'Ufficio Premi, con una raccomandata A/R, indicando le generalità, l'indirizzo del richiedente e la modalità di pagamento (assegno circolare, bonifico bancario o postale). Attenzione dunque a non dimenticare i premi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Diabete e retinopatia, il prof. Bandello: "Siamo all'avanguardia, ma ancora pochi screening"

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

Torna su
TrevisoToday è in caricamento