menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il frontespizio dell'edizione 2021

Il frontespizio dell'edizione 2021

Lunario Schieson, le previsioni per il 2021 tornano in edicola e libreria

Ecco la 305^ edizione del lunario più antico d’Italia che ha superato guerre e pandemie in un Veneto che è cambiato ma che resta fedele alle tradizioni

E sono 305 gli anni dello Schieson Trevisan che resiste da secoli a guerre e pandemie, il lunario più antico d’Italia sempre fedele al dialetto che si intreccia ad un presente complicato. Editore è la Tipografia Sit di Casier che lo stampa in migliaia di copie, molte delle quali inviate ai trevigiani nel mondo nei cinque continenti, oltre ad averlo fatto sbarcare da tempo sui social. Un foglio, in vendita in edicola e in libreria, che accompagna per un anno, come avveniva in passato nelle case contadine e Daniele Grillo, titolare della Sit, rivendica il valore dell’autentico Schieson Trevisan contro le molte contraffazioni di cui da tempo è vittima.

Il pronostico di un anno fa non annunciava la pandemia, ma certamente quel ritorno alla campagna, l’attenzione a ritmi di vita e lavoro sostenibili, il recupero di abitudini e tradizioni che, d’amore o per forza, abbiamo riscoperto. E allora ‘anca stavolta ‘andrà tutto bene’” pronostica per il nuovo anno Bepo Gobo da Casier dallo Schieson, forte della memoria di altre pandemia, come la febbre spagnola di un secolo fa e ‘anca el Coronavirus sparirà siben che ghe vorà raquanti ani per rimediarghe a tuti quei malani che el gà dessemenà senza ritegno'. E nello Schieson arriva l’inglese, ovviamente con il lockdown, ‘che non ghe sarà parchè sino el saria un Knokdown”. E nelle rime finali ‘sfantà la pandemia podarà ripartir l’economia’ con ‘ospedali vodi e stadi pieni e nel ciel splendenti arcobaleni’.

Pronòstego
Siben che a massa zente no ghe inporte un patatrac mondial xe za a le porte co un clima estremo tuto stravoltà, le stagion che se ga roversà, morìa austral le balene spiagiàe e morti per le foreste brusàe, invernàe co toni e co saete e parfin invasion de cavalete, dopo el flagelo de la pandemia che vite a mileri ga portà via, zóvani, veci, òmeni e cei, siori e poareti, bruti e bei 'fa 'na macabra dansa medioeval che fa gòdar un tristo carneval co màscare sul viso e man coi guanti gnanca fússimo tuti dei briganti, el mondo intiero xe andà in recession e in fumo le strussie de generassion.

Ma anca stavolta "andrà tutto bene": le nostre cità tornarà serene e la zente podarà respirar a casa o in vacansa ai monti e al mar chè, come co la "spagnola" del passà anca el coronavirus sparirà siben che ghe vorà raquanti ani par rimediarghe a tuti quei malani che el ga dessemenà sensa ritegno, ma forse mai ne darà sostegno l'Europa che a la fin ga visto ciaro che semo tuti sora el stesso caro e parché no finissa mal la corsa stavolta la ne slargarà la borsa co Recovery Fund e Mes salvastati che ne farà dormir sogni beati scongiurando 'na nova recession; no ghe sarà aque alte disastrose parchè entrarà in funsion alfin el Mose chè dopo tuto quel che i ga magnà le paratie da bon se ga alsà; no ghe sarà un novo lock down parché sinò el saria un Knockdown, cussí dopo sfantà la pandemia podarà ripartir l'economia, co ospeali vodi e stadi pieni e nel ciel splendenti arcobaleni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
blog

Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento