menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quando il medico arrivava a casa a cavallo: Asolo riscopre la propria storia medica

Nel 1861 il salario previsto per il medico condotto era di 550 fiorini annui per le prestazioni mediche, più 50 fiorini quale indennizzo del cavallo

QUANDO IL MEDICO ARRIVAVA A CAVALLO Correva l'anno 1861, esattamente il 15 febbraio, regnava Checco Beppe anche nel Veneto, ancora per pochi anni. La Deputazione Amministrativa della Città di Asolo, poiché il dottore in funzione, Renato Brion, valente medico e chirurgo, era morto da poco, pubblicava un avviso di concorso per tutti coloro che avesso voluto presentare domanda ("istanza" si diceva allora) a ricoprire il posto vacante di "Condotta Medico-Chirurgica". La cittadinanza, infatti, non poteva restare senza assistenza e cura di un medico per troppo tempo. E il Comune doveva occuparsi, per legge imperiale austriaca numero 2011 del 1858, di coprire la condotta medica.

I documenti richiesti per il nuovo medico dovevano essere: "fede di nascita; certificato di sudditanza austriaca; diploma per libero esercizio della Medicina e dell'alta Chirurgia; certificato medico di sana e robusta costituzione fisica; attestato di pratica biennale in un pubblico ospitale, oppure di lodevole servigio prestato per un biennio in una condotta". Il Commissario comunale di Asolo che firmava il bando era il dott. Giovanni Frigo. I Deputati (cioè la Giunta comunale) erano tre ad Asolo: si trattava del nobile Claudio Pasini e dei signori Trabuchelli e Fietta. Controfirmava il bando il cancellista (cioè il segreterio) dottor Pivetta. Inoltre, nel bando, si avvisavano gli interessati che l'esercente (cioè colui che avesse vinto il concorso della condotta medica) avrebbe avuto l'obbligo di risiedere ad Asolo, il cui territorio è "misto, con monte e piano". E si aggiungeva che le strade erano buone, con ghiaia quelle periferiche, con pietra e porfido quelle in centro; che la popolazione da servire era di 2.200 abitanti, di cui 530 erano poveri e da curarsi gratuitamente. Infine, il nuovo medico aveva l'obbligo assistenziale esteso anche ai ricoverati del primo Reparto nel locale antico ospedale di Asolo. Il salario? 550 fiorini annui per le prestazioni mediche, più 50 fiorini quale indennizzo del cavallo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento