blog

Monastier: assegnate le borse di studio della fondazione Bellotti Stefani

Nell'anno della pandemia, la Fondazione ha dovuto cancellare il suo annuale concerto, ma non la tradizione delle borse di studio assegnate a tre studenti meritevoli, per profitto e per reddito.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Con una cerimonia all'aperto, mercoledì 16 dicembre nel giardino della scuola media di Monastier si è tenuta la consegna delle borse di studio annuali della Fondazione onlus Bellotti Stefani, nel decennale di fondazione. Tre le studentesse premiate, che a giugno scorso si sono diplomate con una buona votazione alle medie di Monastier: Giulia Dalla Torre, Giorgia Menegaldo, Emanuela Anajakuu. Per l'occasione erano presenti il presidente della Fondazione, Giuseppe Stefani, con la sindaca di Monastier Paola Moro, il parroco mons. Luigi Dal Bello, la dirigente scolastica dell'Istituto comprensivo di Roncade Anna Maria Vecchio e Antonio Chiarparin, componente del Cda della Fondazione. "Solitamente la consegna delle borse di studio si teneva al teatro Eden di Treviso, in occasione del nostro concerto annuale - ha spiegato il presidente Stefani - quest'anno abbiamo dovuto rinunciarvi a causa della pandemia, ma non volevamo perdere questo appuntamento così importante per la comunità di Monastier". Durante la cerimonia Giuseppe Stefani ha consegnato anche un assegno di beneficenza a Daniela Fasolo, presidente di Asla associazione sclerosi laterale amiotrofica di Veggiano (Padova), che lo utilizzerà per acquistare cinque deambulatori per persone ai primi stadi della malattia Sla. Intervenendo all'incontro, la sindaca Paola Moro ha ribadito il ruolo e l'importanza della Fondazione per il paese di Monastier, ricordando il senso di solidarietà che la muove e il sostegno che ha dato in questi anni a trenta ragazzi meritevoli. La dirigente scolastica Vecchio ha spronato i ragazzi a studiare, a non mollare mai, con motivazione e perseveranza. Chiarparin, per tanti anni preside a Treviso, ha attirato l'attenzione dei ragazzi parlando loro di felicità. "Lo studio, la conoscenza - ha detto - sono gli strumenti che vi permetteranno di poter scegliere e di essere liberi nel corso della vita, sempre. Quindi, se volete realizzare i vostri sogni di felicità, studiate". Infine, il parroco di Monastier, mons. Luigi Dal Bello, ha ribadito l'importanza dell'impegno e ricordato il legame e la collaborazione che esiste fra la parrocchia di Monastier e le istituzioni civili, fra le quali la scuola e la Fondazione Bellotti Stefani.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monastier: assegnate le borse di studio della fondazione Bellotti Stefani

TrevisoToday è in caricamento