Casa di riposo, la fanfara dei bersaglieri suona l'inno e il Piave per gli anziani

Bella sorpresa per gli ospiti del Centro Servizi Villa della Magnolie di Monastier

Si sono sentiti tutti “fratelli d’Italia”, indipendentemente dalla provenienza di ognuno. Sono gli ospiti del Centro Servizi Villa della Magnolie di Monastier che mercoledì pomeriggio (6 ottobre), in anteprima addirittura su Piazza San Marco a Venezia, hanno assistito all’esibizione della Fanfara dei Bersaglieri di Dolianova, in provincia di Cagliari, arrivata in Veneto per un tour di quattro giorni tra le province di Treviso e Venezia. Nel salone di “Villa delle Magnolie” in collegamento via cavo nelle stanze degli ospiti sono riecheggiate le note dell’Inno di Mameli ma anche, a grande richiesta,  quelle della canzone del Piave e molti altri brani tipici della tradizione, che hanno avuto il potere di suscitare negli anziani forti emozioni: c’è stato chi ha tenuto il ritmo con le mani, chi muoveva la testa con occhi chiusi, quasi a voler rivivere i ricordi più belli, chi si è commosso e ha lasciato scendere qualche lacrima sul viso.

Tutti alla fine, anche se a distanza, hanno applaudito con gioia ed entusiasmo a questa bella iniziativa, organizzata dall’Associazione Bersaglieri di Treviso e realizzata con il cuore da parte dei bersaglieri sardi che, attraverso la loro arte, hanno voluto portare un messaggio di vicinanza e affetto ai nonni, che più di tutti hanno vissuto un momento complicato.

«Siamo estremamente contenti di aver potuto realizzare dopo tanto tempo un evento bello come questo, rispettando le normative anti-Covid. Siamo riusciti a donare ai nostri ospiti momenti di spensieratezza e gioia -ha spiegato Flavio Ogniben, direttore del Centro Servizi- Questa è stata un’occasione importante, la prima che segna un graduale ritorno agli eventi apprezzati tanto dagli anziani che finalmente hanno sperimentato ancora cosa significa essere parte attiva nella società, pur continuando ad essere tutelati e preservati dal virus».

«Vedere tanti anziani e pazienti applaudire e sorridere, anche se dalle loro stanze, è stato per noi una gioia immensa che ripaga di ogni fatica che abbiamo dovuto tutti sopportare negli ultimi periodi -ha detto Gabriele Geretto, Amministratore Delegato del Presidio Ospedaliero “Giovanni XXIII” della Sogedin accogliendo la fanfara accompagnata dal sindaco di Dolianova Ivan Piras- Vedere gli ospiti così emozionati ci ricorda la loro grandezza, fatta di esperienze e tanti ricordi che sono un patrimonio inestimabile per tutti noi».

Video popolari

Casa di riposo, la fanfara dei bersaglieri suona l'inno e il Piave per gli anziani

TrevisoToday è in caricamento